vai al contenuto vai al footer
torna all'itinerario

Scultore ligure (?) (fine XVI – inizio XVII secolo) Crocifisso ("Christus patiens") legno scolpito

Piazza Monte Calvario, Santuario di Santa Croce - 18100 Imperia (IM)
Telefono: +393398861464
Scultore ligure (?)
 (fine XVI – inizio XVII secolo)
Crocifisso ("Christus patiens") 
legno scolpito Scultore ligure (?) (fine XVI – inizio XVII secolo) Crocifisso ("Christus patiens") legno scolpito

Il piccolo crocifisso in legno di ciliegio, privo del supporto, è stato ritrovato nel corso dei restauri. Lo studio anatomico della figura e l‘atteggiamento composto risentono ancora dell’influenza rinascimentale e suggeriscono la datazione proposta. Nella foggia del perizoma sembrerebbe di ravvisare alcune affinità con la tradizione locale, ma l’attribuzione all’ambito ligure non è da considerarsi sicura. Non si tratta di un’immagine processionale, mentre potrebbe essere appartenuta a una croce da pulpito. È però possibile che non fosse destinata al culto nella chiesa e la sua collocazione abituale si trovasse all’interno del cenobio, da dove all’occorrenza poteva uscire per portare il conforto ai morenti. A questo scopo la posizione raccolta delle braccia risultava funzionale anche a un minor ingombro e a una più agevole modalità di spostamento.

Scultore ligure (?) (fine XVI – inizio XVII secolo) Crocifisso ("Christus patiens") legno scolpito
Piazza Monte Calvario, Santuario di Santa Croce 18100 Imperia (IM)
Telefono: +393398861464

Il piccolo crocifisso in legno di ciliegio, privo del supporto, è stato ritrovato nel corso dei restauri. Lo studio anatomico della figura e l‘atteggiamento composto risentono ancora dell’influenza rinascimentale e suggeriscono la datazione proposta. Nella foggia del perizoma sembrerebbe di ravvisare alcune affinità con la tradizione locale, ma l’attribuzione all’ambito ligure non è da considerarsi sicura. Non si tratta di un’immagine processionale, mentre potrebbe essere appartenuta a una croce da pulpito. È però possibile che non fosse destinata al culto nella chiesa e la sua collocazione abituale si trovasse all’interno del cenobio, da dove all’occorrenza poteva uscire per portare il conforto ai morenti. A questo scopo la posizione raccolta delle braccia risultava funzionale anche a un minor ingombro e a una più agevole modalità di spostamento.

Luoghi d'arte collegati

Museo delle Confraternite