vai al contenuto vai al footer

La Vergine soccorre i naufraghi, Carlo Conturi, sec. XVII

Via Orante Petriccioli - 19032 Lerici
Telefono: 0187 9601
La Vergine soccorre i naufraghi, Carlo Conturi, secolo XVII seconda metà La Vergine soccorre i naufraghi, Carlo Conturi, secolo XVII seconda metà
La Vergine soccorre i naufraghi, Carlo Conturi, secolo XVII seconda metà  (dettaglio) La Vergine soccorre i naufraghi, Carlo Conturi, secolo XVII seconda metà (particolare)

La Vergine soccorre i naufraghi, Carlo Conturi (ambito lucchese, seconda metà del XVII secolo)
olio su tela, sec. XVII seconda metà
Carlo Co(n)turi P.re Luchese

Il dipinto raffigura Nostra Signora del Carmine con il Bambino in braccio tra nubi arricchite da angioletti alati.
La Vergine è rappresentata nell'atto di consegnare lo scapolare a tre mendicanti posti in basso a sinistra; in basso a destra è rappresentata la scena di un naufragio e vede alcuni naviganti che volgono le mani al cielo, mentre in primo piano un naufrago orante è forse identificabile con il committente dell'opera di cui compaiono più volte le iniziali F.L., probabilmente un mercante scampato miracolosamente al tragico evento.
Il dipinto dà ampio spazio all'intervento divino, che domina la scena, e nasce probabilmente come pala d'altare ma il naufragio lo rende contemporaneamente un ex voto, costituendo un unicum.
L'opera è posizionata nella parete destra dell'abside, inserita in una cornice di stucchi in posizione simmetrica con un altro dipinto dello stesso autore collocato nella parete sinistra e raffigurante la Madonna del Carmine col bambino e le anime purganti.

Nell'Oratorio di San Rocco fin dai primi del '600 aveva sede una confraternita del Carmelo. Lo scapolare retto dalla Vergine e costituito da due piccoli rettangoli di stoffa tenuti insieme da nastri, potrebbe fare riferimento all'affiliazione del committente alla confraternita dell'ordine carmelitano.

L'opera è stata restaurata nel 1999: in quell'occasione è stato individuata la firma autografa dell'autore (P. Ribolla 1999).

Luoghi d'arte collegati

Oratorio di San Rocco (Lerici)
L'Oratorio di San Rocco
La Vergine soccorre i naufraghi, Carlo Conturi, sec. XVII
Via Orante Petriccioli 19032 Lerici
Telefono: 0187 9601

La Vergine soccorre i naufraghi, Carlo Conturi (ambito lucchese, seconda metà del XVII secolo)
olio su tela, sec. XVII seconda metà
Carlo Co(n)turi P.re Luchese

Il dipinto raffigura Nostra Signora del Carmine con il Bambino in braccio tra nubi arricchite da angioletti alati.
La Vergine è rappresentata nell'atto di consegnare lo scapolare a tre mendicanti posti in basso a sinistra; in basso a destra è rappresentata la scena di un naufragio e vede alcuni naviganti che volgono le mani al cielo, mentre in primo piano un naufrago orante è forse identificabile con il committente dell'opera di cui compaiono più volte le iniziali F.L., probabilmente un mercante scampato miracolosamente al tragico evento.
Il dipinto dà ampio spazio all'intervento divino, che domina la scena, e nasce probabilmente come pala d'altare ma il naufragio lo rende contemporaneamente un ex voto, costituendo un unicum.
L'opera è posizionata nella parete destra dell'abside, inserita in una cornice di stucchi in posizione simmetrica con un altro dipinto dello stesso autore collocato nella parete sinistra e raffigurante la Madonna del Carmine col bambino e le anime purganti.

Nell'Oratorio di San Rocco fin dai primi del '600 aveva sede una confraternita del Carmelo. Lo scapolare retto dalla Vergine e costituito da due piccoli rettangoli di stoffa tenuti insieme da nastri, potrebbe fare riferimento all'affiliazione del committente alla confraternita dell'ordine carmelitano.

L'opera è stata restaurata nel 1999: in quell'occasione è stato individuata la firma autografa dell'autore (P. Ribolla 1999).

Luoghi d'arte collegati

Oratorio di San Rocco (Lerici)
L'Oratorio di San Rocco