vai al contenuto vai al footer
torna all'itinerario

Ignoto seguace del Perugino, Adorazione dei Magi

piazza di Pellicceria 1 - 16123 Genova
Ignoto seguace del Perugino, Adorazione dei Magi Ignoto seguace del Perugino, Adorazione dei Magi
Ignoto seguace del Perugino, Adorazione dei Magi Ignoto seguace del Perugino, Adorazione dei Magi
Ignoto seguace del Perugino, Adorazione dei Magi Ignoto seguace del Perugino, Adorazione dei Magi
Ignoto seguace del Perugino, Adorazione dei Magi Ignoto seguace del Perugino, Adorazione dei Magi
Ignoto seguace del Perugino, Adorazione dei Magi Ignoto seguace del Perugino, Adorazione dei Magi

scuola del Perugino
Adorazione dei Magi
tempera su tavola (cm 55x44)

Questo dipinto è ambientato in un paesaggio limpido dove, a fare da sfondo, si alternano montagne, boschi ed una città. Nella parte destra della scena al posto della tradizionale capanna un antico edificio diroccato accoglie la Madonna, san Giuseppe e Gesù Bambino: il lungo corteo dei Magi arriva da sinistra a porgere i doni al Bambino che li accoglie in piedi, sulle ginocchia della Madonna, con un gesto di benedizione. Sopra una nuvola tre angeli musicanti sovrastano la scena.

Solo avvicinandosi alla piccola tavola si può osservare la straordinaria cura del pittore nel descrivere ogni elemento, dai volti dei personaggi, alla ricchezza dei vestiti e degli oggetti, alla minuziosa attenzione ai particolari della natura.

L'opera è documentata nelle collezioni di Palazzo Spinola dalla fine Settecento. La cura descrittiva e la minuziosità dei dettagli avevano fatto considerare il dipinto di scuola fiamminga o olandese: si tratta invece di un soggetto derivato da modelli del Perugino (1446-1523).

Luoghi d'arte collegati

Palazzo Spinola (via di Pellicceria)
Il palazzo cinquecentesco dei Grimaldi, trasformato nel XVIII secolo dagli Spinola e donato allo Stato dagli eredi con le collezioni d'arte e gli arredi originali, conserva il suo aspetto di dimora nobiliare offrendo al visitatore la possibilità di rivivere l'atmosfera di una residenza sei-settecentesca. L'edificio ospita oggi la prestigiosa Galleria Nazionale della Liguria: la quadreria comprende opere dei maggiori artisti genovesi, fiamminghi ed europei. Tra i dipinti: il celebre Ecce Homo di Antonello da Messina, opere di van Dyck, Mattia Preti. Notevole la collezione di ceramiche
Ignoto seguace del Perugino, Adorazione dei Magi
piazza di Pellicceria 1 16123 Genova

scuola del Perugino
Adorazione dei Magi
tempera su tavola (cm 55x44)

Questo dipinto è ambientato in un paesaggio limpido dove, a fare da sfondo, si alternano montagne, boschi ed una città. Nella parte destra della scena al posto della tradizionale capanna un antico edificio diroccato accoglie la Madonna, san Giuseppe e Gesù Bambino: il lungo corteo dei Magi arriva da sinistra a porgere i doni al Bambino che li accoglie in piedi, sulle ginocchia della Madonna, con un gesto di benedizione. Sopra una nuvola tre angeli musicanti sovrastano la scena.

Solo avvicinandosi alla piccola tavola si può osservare la straordinaria cura del pittore nel descrivere ogni elemento, dai volti dei personaggi, alla ricchezza dei vestiti e degli oggetti, alla minuziosa attenzione ai particolari della natura.

L'opera è documentata nelle collezioni di Palazzo Spinola dalla fine Settecento. La cura descrittiva e la minuziosità dei dettagli avevano fatto considerare il dipinto di scuola fiamminga o olandese: si tratta invece di un soggetto derivato da modelli del Perugino (1446-1523).

Luoghi d'arte collegati

Palazzo Spinola (via di Pellicceria)
Il palazzo cinquecentesco dei Grimaldi, trasformato nel <strong>XVIII secolo</strong> dagli Spinola e donato allo Stato dagli eredi con le collezioni d'arte e gli arredi originali, conserva il suo aspetto di <strong>dimora nobiliare</strong> offrendo al visitatore la possibilità di rivivere l'atmosfera di una residenza sei-settecentesca. L'edificio ospita oggi la prestigiosa Galleria Nazionale della Liguria: la quadreria comprende <strong>opere dei maggiori</strong> artisti genovesi, fiamminghi ed europei. Tra i dipinti: il celebre <i>Ecce Homo</i> di Antonello da Messina, opere di <strong>van Dyck</strong>, Mattia Preti. Notevole la collezione di ceramiche