vai al contenuto vai al footer
torna all'itinerario

Giovanni Benedetto Castiglione, il Grechetto, Adorazione dei Magi

Piazza San Luca - 16124 Genova (GE)
Giovanni Benedetto Castiglione, il Grechetto, Adorazione dei Magi Giovanni Benedetto Castiglione, il Grechetto, Adorazione dei Magi
Giovanni Benedetto Castiglione, il Grechetto, Adorazione dei Magi: particolare con la Sacra Famiglia Giovanni Benedetto Castiglione, il Grechetto, Adorazione dei Magi: particolare con la Sacra Famiglia
Giovanni Benedetto Castiglione, il Grechetto, Adorazione dei Magi: particolare con la Madonna ed il Bambino Giovanni Benedetto Castiglione, il Grechetto, Adorazione dei Magi: particolare con la Madonna ed il Bambino
Giovanni Benedetto Castiglione, il Grechetto, Adorazione dei Magi: particolare con gli angeli Giovanni Benedetto Castiglione, il Grechetto, Adorazione dei Magi: particolare con gli angeli
Giovanni Benedetto Castiglione, il Grechetto, Adorazione dei Magi: particolare con il turibolo Giovanni Benedetto Castiglione, il Grechetto, Adorazione dei Magi: particolare con il turibolo
Giovanni Benedetto Castiglione, il Grechetto, Adorazione dei Magi: particolare con i pastori Giovanni Benedetto Castiglione, il Grechetto, Adorazione dei Magi: particolare con i pastori
Giovanni Benedetto Castiglione, il Grechetto, Adorazione dei Magi: particolare con pastori e animali Giovanni Benedetto Castiglione, il Grechetto, Adorazione dei Magi: particolare con pastori e animali

Giovanni Benedetto Castiglione, il Grechetto (Genova, 1609 – Mantova, 1664)
Adorazione dei Magi - 1645
Olio su tela

La tela, posta sull'altare a sinistra, ha avuto un ruolo fondamentale per l’evoluzione del barocco genovese, presentando le suggestioni artistiche tipiche del primo Seicento, rappresentate in città dalla pittura di Rubens e Van Dyck, unite alle esperienze romane ed emiliane dell’artista.
Ammirata dai viaggiatori del tempo per le novità che presentava nell'ambito del panorama artistico locale, la pala si presenta come opera innovativa nella ricerca degli spazi articolati su piani diversi: la scena principale è invasa dalla luce diffusa dal Bambino steso nella mangiatoia e raccolta dal volto della Vergine e dagli angeli in volo nella parte superiore del dipinto. Lontano dal fulcro luminoso il chiaroscuro dà spessore quasi tridimensionale alle figure: si noti il suonatore di zampogna in primo piano.
Il restauro del 1947, per la mostra La pittura del Seicento e del Settecento in Liguria, ha portato alla luce firma e data su un frammento architettonico in basso a sinistra: - IO: BENED./CASTILIONVS/1645.

Luoghi d'arte collegati

Chiesa di San Luca a Genova
La chiesa di San Luca viene ricostruita nel XVII secolo nella piazza omonima, nell'antico quartiere degli Spinola e dei Grimaldi
Giovanni Benedetto Castiglione, il Grechetto, Adorazione dei Magi
Piazza San Luca 16124 Genova (GE)

Giovanni Benedetto Castiglione, il Grechetto (Genova, 1609 – Mantova, 1664)
Adorazione dei Magi - 1645
Olio su tela

La tela, posta sull'altare a sinistra, ha avuto un ruolo fondamentale per l’evoluzione del barocco genovese, presentando le suggestioni artistiche tipiche del primo Seicento, rappresentate in città dalla pittura di Rubens e Van Dyck, unite alle esperienze romane ed emiliane dell’artista.
Ammirata dai viaggiatori del tempo per le novità che presentava nell'ambito del panorama artistico locale, la pala si presenta come opera innovativa nella ricerca degli spazi articolati su piani diversi: la scena principale è invasa dalla luce diffusa dal Bambino steso nella mangiatoia e raccolta dal volto della Vergine e dagli angeli in volo nella parte superiore del dipinto. Lontano dal fulcro luminoso il chiaroscuro dà spessore quasi tridimensionale alle figure: si noti il suonatore di zampogna in primo piano.
Il restauro del 1947, per la mostra La pittura del Seicento e del Settecento in Liguria, ha portato alla luce firma e data su un frammento architettonico in basso a sinistra: - IO: BENED./CASTILIONVS/1645.

Luoghi d'arte collegati

Chiesa di San Luca a Genova
La chiesa di San Luca viene ricostruita nel <strong>XVII secolo</strong> nella piazza omonima, nell'antico quartiere degli Spinola e dei Grimaldi