vai al contenuto vai al footer

Gioacchino Assereto, Adorazione dei Magi

piazza di Pellicceria 1 - 16123 Genova
Gioacchino Assereto, Adorazione dei pastori Gioacchino Assereto, Adorazione dei pastori
Gioacchino Assereto, Adorazione dei pastori Gioacchino Assereto, Adorazione dei pastori
Gioacchino Assereto, Adorazione dei pastori Gioacchino Assereto, Adorazione dei pastori

Gioacchino Assereto (Genova 1600 - 1649)
Adorazione dei Magi
olio su rame (cm 45x30)

Questo dipinto di piccolo formato è dominato dai colori scuri. Osservando la scena con attenzione, lo sguardo si muove a seguire i movimenti dei pastori che si accostano a Maria, Giuseppe e al Bambino. La figura di Gesù, in fasce nella mangiatoia, risalta nello spazio notturno della capanna di legno: non c'è luce a rischiarare l'insieme, in cui prevale una sensazione di timore e sorpresa nei gesti appena accennati delle figure dei pastori che emergono dallo sfondo.

L'aspetto lucido della superficie pittorica è dovuto alla scelta di usare come supporto una lastra in rame (lastra già usata come matrice per incisioni a stampa).

Il dipinto apparteneva alla collezione Spinola: considerato in passato come un bozzetto, è invece parte della produzione giovanile del pittore, che si affermò a Genova a inizio Seicento. La ricerca di Gioacchino Assereto, influenzata da pittori come Procaccini e Bernardo Strozzi, è legata soprattutto al naturalismo e alla forza espressiva dei personaggi

Luoghi d'arte collegati

Palazzo Spinola (via di Pellicceria)
Il palazzo cinquecentesco dei Grimaldi, trasformato nel XVIII secolo dagli Spinola e donato allo Stato dagli eredi con le collezioni d'arte e gli arredi originali, conserva il suo aspetto di dimora nobiliare offrendo al visitatore la possibilità di rivivere l'atmosfera di una residenza sei-settecentesca. L'edificio ospita oggi la prestigiosa Galleria Nazionale della Liguria: la quadreria comprende opere dei maggiori artisti genovesi, fiamminghi ed europei. Tra i dipinti: il celebre Ecce Homo di Antonello da Messina, opere di van Dyck, Mattia Preti. Notevole la collezione di ceramiche
Gioacchino Assereto, Adorazione dei Magi
piazza di Pellicceria 1 16123 Genova

Gioacchino Assereto (Genova 1600 - 1649)
Adorazione dei Magi
olio su rame (cm 45x30)

Questo dipinto di piccolo formato è dominato dai colori scuri. Osservando la scena con attenzione, lo sguardo si muove a seguire i movimenti dei pastori che si accostano a Maria, Giuseppe e al Bambino. La figura di Gesù, in fasce nella mangiatoia, risalta nello spazio notturno della capanna di legno: non c'è luce a rischiarare l'insieme, in cui prevale una sensazione di timore e sorpresa nei gesti appena accennati delle figure dei pastori che emergono dallo sfondo.

L'aspetto lucido della superficie pittorica è dovuto alla scelta di usare come supporto una lastra in rame (lastra già usata come matrice per incisioni a stampa).

Il dipinto apparteneva alla collezione Spinola: considerato in passato come un bozzetto, è invece parte della produzione giovanile del pittore, che si affermò a Genova a inizio Seicento. La ricerca di Gioacchino Assereto, influenzata da pittori come Procaccini e Bernardo Strozzi, è legata soprattutto al naturalismo e alla forza espressiva dei personaggi

Luoghi d'arte collegati

Palazzo Spinola (via di Pellicceria)
Il palazzo cinquecentesco dei Grimaldi, trasformato nel <strong>XVIII secolo</strong> dagli Spinola e donato allo Stato dagli eredi con le collezioni d'arte e gli arredi originali, conserva il suo aspetto di <strong>dimora nobiliare</strong> offrendo al visitatore la possibilità di rivivere l'atmosfera di una residenza sei-settecentesca. L'edificio ospita oggi la prestigiosa Galleria Nazionale della Liguria: la quadreria comprende <strong>opere dei maggiori</strong> artisti genovesi, fiamminghi ed europei. Tra i dipinti: il celebre <i>Ecce Homo</i> di Antonello da Messina, opere di <strong>van Dyck</strong>, Mattia Preti. Notevole la collezione di ceramiche