vai al contenuto vai al footer
torna all'itinerario

Quadreria della Società Economica di Chiavari

Tipologia: Musei e raccolte/Arte
via Ravaschieri, 15 - Chiavari
Telefono: 0185 324 713

La Quadreria conta oltre duecento opere fra dipinti, sculture e disegni, datate dalla fine del Quattrocento ai giorni nostri. Quest'ultimo periodo è caratterizzato dalla presenza di artisti chiavaresi o che comunque hanno abitato per lungo tempo a Chiavari, come i pittori Gaetano Previati, Alberto Salietti, Lino Perissinotti, Emanuele Rambaldi e gli scultori Francesco Falcone, Rodolfo Castagnino, Piero Solari, Guido Galletti, Santiago Cogorno, Roberto Ersanilli, Giuseppe Raggio.

Del periodo più antico sono di grande interesse due tavole di autori fiamminghi: "Compianto di Cristo" della scuola di Quentin Metsys e "Gabinetto d'amatore" di Frans Francken II.

Considerevoli sono anche due tele attribuite ad Alessandro Magnasco, una Madonna con Bambino di scuola genovese legata a Van Dyck e i quadri del Seicento bolognese.

Tariffe
Riduzione da euro a euro
Accessibilità:
Servizi igienici: $$datasiel.label.luogo.$$
Strutture ed attrezzature: $$datasiel.label.luogo.$$
Assistenza e supporto alla visita: $$datasiel.label.luogo.$$

Itinerari

Questo luogo appartiene all'itinerario
Quadreria della Società Economica di Chiavari
Tipologia: Arte
via Ravaschieri, 15 Chiavari
Telefono: 0185 324 713

La Quadreria conta oltre duecento opere fra dipinti, sculture e disegni, datate dalla fine del Quattrocento ai giorni nostri. Quest'ultimo periodo è caratterizzato dalla presenza di artisti chiavaresi o che comunque hanno abitato per lungo tempo a Chiavari, come i pittori Gaetano Previati, Alberto Salietti, Lino Perissinotti, Emanuele Rambaldi e gli scultori Francesco Falcone, Rodolfo Castagnino, Piero Solari, Guido Galletti, Santiago Cogorno, Roberto Ersanilli, Giuseppe Raggio.

Del periodo più antico sono di grande interesse due tavole di autori fiamminghi: "Compianto di Cristo" della scuola di Quentin Metsys e "Gabinetto d'amatore" di Frans Francken II.

Considerevoli sono anche due tele attribuite ad Alessandro Magnasco, una Madonna con Bambino di scuola genovese legata a Van Dyck e i quadri del Seicento bolognese.

Tariffe
Accessibilità: $$datasiel.label.luogo.$$

Itinerari

Questo luogo appartiene all'itinerario