vai al contenuto vai al footer

Regione, acquisito atlante di Ortelius

Nel 1601, all'Officina plantiniana presso Moretus, ad Anversa, venne stampato il Theatrum orbis terrarum di Abrahm Ortelius, il primo esempio di Atlante cartografico.

L'opera è di elevatissimo valore culturale e scientifico e con essa il suo autore, Ortelius (latinizzato da Ortels), diede inizio, insieme a Mercatore, alla cartografia fiamminga: l'atlante ha rischiato di lasciare l'Italia ed è stato acquistato dalla Regione Liguria tramite la procedura dell'acquisto coattivo.

Il volume, mutilo di una sola tavola geografica (l'Islanda), è di grandissimo pregio e di edizione estremamente curata: la legatura è stata realizzata in assi di legno rivestite in pelle, con borchie e, come dimostrato dalle ricerche bibliografiche condotte dal Servizio Programmi Culturali e Spettacolo della Regione Liguria, esiste in Italia in sole due copie, una presso la Biblioteca Statale Marucelliana di Firenze e l'altra presso la Biblioteca Apostolica del Vaticano. Nel mondo, invece, ne esisterebbero altri otto esemplari.

L'acquisto coattivo è avvenuto a seguito di una serie di verifiche e ricerche effettuate dal Servizio Programmi Culturali e Spettacolo che nello specifico hanno riguardato:

  • l'invio di richiesta a tutti i Nuclei dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio per accertare che l'opera non risultasse rubata
  • la richiesta a tutte le Soprintendenze ai Beni librari che l'opera non fosse stata dichiarata d'interesse culturale o che non fosse stata trafugata in biblioteche o Istituti ricadenti sul territorio nazionale
  • ricerche bibliografiche
  • ricerche su siti antiquari online

L'Atlante è stato così sottratto all'uscita definitiva dal territorio nazionale ed appartiene ora al patrimonio culturale ligure: in futuro sarà esposto con le cautele e la sorveglianza necessarie alla salvaguardia di un così importante bene culturale.

Video