vai al contenuto vai al footer

Teatro della Corte (Stabile)

Tipologia: Teatri
Corte Lambruschini - Genova
Telefono: 010 53 421 - botteghino: 010 53 42 200 – informazioni: 010 53 42 300
Fax: 010 53 42 510
L'esterno del teatro L'esterno del teatro
Sala e palcoscenico del teatro Sala e palcoscenico del teatro
L'esterno del teatro L'esterno del teatro
La sala La sala

Il Teatro Stabile di Genova è stato fondato nel 1951. Dal 1955 al 2000 è stato diretto da Ivo Chiesa. Dopo la sua scomparsa la direzione è stata affidata a Carlo Repetti e dal 23 dicembre 2014 ad Angelo Pastore. Marco Sciaccaluga ne è il consulente artistico.
È unanimemente considerato uno dei due o tre più importanti teatri pubblici italiani e ha costantemente rappresentato uno dei momenti più alti, a livello nazionale e internazionale, della cultura elaborata a Genova.
La sua sede istituzionale è il Teatro della Corte, la cui costruzione è stata ultimata nella primavera del 1991. Qui avvengono gli spettacoli, prodotti o ospitati, di maggiore peso e complessità.
Il Teatro della Corte ha 1.014 posti, è situato nel cuore della city culturale ed economica della città e accorpa in un unico edificio il teatro, i servizi, gli uffici, la sala prove, la Scuola di Recitazione, una biblioteca, spazi per incontri, eccetera. Per volumetria impegnata (41.000 mc.), dimensione del palcoscenico (900 mq.), livelli tecnologici e insieme di strutture, si tratta di un teatro di prosa fra i più avanzati in Italia.
Oltre alla seconda sala, il Teatro Duse, dalla stagione 2000-2001, il Teatro Stabile di Genova si è dotato anche di un nuovo spazio scenico con gradinate ad anfiteatro, agile e trasformabile, che può essere montato sul palcoscenico del Teatro della Corte come altrove, in luoghi al chiuso o all'aperto. Il nuovo spazio, denominato Piccola Corte, ha la possibilità di accogliere circa 300 spettatori e, affiancato alla Corte e al Duse, permette al Teatro Stabile di Genova di articolare in modo più ampio e compiuto le proprie proposte al pubblico: sia sul piano della produzione, sia su quello dell'ospitalità.
Il pubblico toccato dagli spettacoli prodotti dal Teatro Stabile di Genova oscilla costantemente fra le 150.000 e le 200.000 presenze per stagione. Aggiungendo a queste le affluenze agli spettacoli ospitati, il raggio di influenza del Teatro Stabile di Genova tocca mediamente da 250.000 a 350.000 presenze per stagione.

Alle recite a Genova si aggiungono costanti tournée, secondo la tradizione del nostro Paese: in Italia il Teatro Stabile di Genova ha recitato in 240 città italiane.
Molto rilevante è anche la presenza del Teatro Stabile di Genova all'estero. Gli episodi di maggior spicco si possono trovare nella presenza del Teatro Stabile di Genova nei cartelloni dei Festival europei più prestigiosi (quattro volte a Parigi al Théâtre des Nations e al Théâtre d'Europe, quattro volte al Festwoche di Zurigo, due volte all'Holland Festival, e poi al Festival di Edimburgo, a quello di Avignone, alla World Theatre Season di Londra, al Festival Cervantino in Messico), nelle quattro tournée a Mosca, a Leningrado, e in Paesi dell'Est Europa, nella tenitura eccezionale per uno spettacolo straniero a New York (33 recite), nell'aver visitato in una sola estate nove Paesi delle tre Americhe (Stati Uniti, Canada, Argentina, Brasile, Venezuela, Messico, Uruguay, Perù e Cuba).
In totale, il Teatro Stabile di Genova ha portato all'estero 27 spettacoli che hanno realizzato 383 rappresentazioni in 58 città. In Italia, questi dati sono secondi solo a quelli del Piccolo Teatro di Milano.

La Compagnia è formata da un nucleo di attori che da molti anni lavorano al Teatro Stabile di Genova e da guest artists, scelti fra i più importanti della scena nazionale. Fra questi Mariangela Melato e Eros Pagni. Quanto ai registi, accanto alle presenze fisse, prima di Luigi Squarzina (condirettore con Chiesa dal 1963 al 1976) e oggi di Marco Sciaccaluga (regista stabile da 30 anni), troviamo fra i registi italiani ad esempio i nomi di Orazio Costa, Gianfranco De Bosio, Egisto Marcucci, Walter Pagliaro, Elio Petri, Luca Ronconi, Franco Zeffirelli, Guido De Monticelli. E una vocazione europea avvertita da sempre ha consentito la collaborazione di registi stranieri quali William Gaskill e Terry Hands, e, nell'ultima parte della sua storia, le presenze particolarmente significative e "formative" per il Teatro Stabile di Genova di Otomar Krejca, presente per tre stagioni consecutive, di Peter Stein, di Benno Besson, di Alfredo Arias e di Matthias Langhoff.
Oltre alla produzione teatrale e alle proposte di spettacoli ospitati, il Teatro Stabile di Genova cura una sua produzione editoriale (ad oggi 121 titoli) e ha fondato il Museo-Biblioteca dell'Attore, uno dei tre maggiori centri di questo tipo in Italia.

Il Teatro Stabile svolge attività didattiche, culturali e di ricerca drammaturgica; dispone di una Scuola di Recitazione strutturata su un Corso di Orientamento annuale e uno di Qualificazione biennale
Teatro della Corte (Stabile)
Tipologia: Teatri
Corte Lambruschini Genova
Telefono: 010 53 421 - botteghino: 010 53 42 200 – informazioni: 010 53 42 300
Fax: 010 53 42 510

Il Teatro Stabile di Genova è stato fondato nel 1951. Dal 1955 al 2000 è stato diretto da Ivo Chiesa. Dopo la sua scomparsa la direzione è stata affidata a Carlo Repetti e dal 23 dicembre 2014 ad Angelo Pastore. Marco Sciaccaluga ne è il consulente artistico.
È unanimemente considerato uno dei due o tre più importanti teatri pubblici italiani e ha costantemente rappresentato uno dei momenti più alti, a livello nazionale e internazionale, della cultura elaborata a Genova.
La sua sede istituzionale è il Teatro della Corte, la cui costruzione è stata ultimata nella primavera del 1991. Qui avvengono gli spettacoli, prodotti o ospitati, di maggiore peso e complessità.
Il Teatro della Corte ha 1.014 posti, è situato nel cuore della city culturale ed economica della città e accorpa in un unico edificio il teatro, i servizi, gli uffici, la sala prove, la Scuola di Recitazione, una biblioteca, spazi per incontri, eccetera. Per volumetria impegnata (41.000 mc.), dimensione del palcoscenico (900 mq.), livelli tecnologici e insieme di strutture, si tratta di un teatro di prosa fra i più avanzati in Italia.
Oltre alla seconda sala, il Teatro Duse, dalla stagione 2000-2001, il Teatro Stabile di Genova si è dotato anche di un nuovo spazio scenico con gradinate ad anfiteatro, agile e trasformabile, che può essere montato sul palcoscenico del Teatro della Corte come altrove, in luoghi al chiuso o all'aperto. Il nuovo spazio, denominato Piccola Corte, ha la possibilità di accogliere circa 300 spettatori e, affiancato alla Corte e al Duse, permette al Teatro Stabile di Genova di articolare in modo più ampio e compiuto le proprie proposte al pubblico: sia sul piano della produzione, sia su quello dell'ospitalità.
Il pubblico toccato dagli spettacoli prodotti dal Teatro Stabile di Genova oscilla costantemente fra le 150.000 e le 200.000 presenze per stagione. Aggiungendo a queste le affluenze agli spettacoli ospitati, il raggio di influenza del Teatro Stabile di Genova tocca mediamente da 250.000 a 350.000 presenze per stagione.

Alle recite a Genova si aggiungono costanti tournée, secondo la tradizione del nostro Paese: in Italia il Teatro Stabile di Genova ha recitato in 240 città italiane.
Molto rilevante è anche la presenza del Teatro Stabile di Genova all'estero. Gli episodi di maggior spicco si possono trovare nella presenza del Teatro Stabile di Genova nei cartelloni dei Festival europei più prestigiosi (quattro volte a Parigi al Théâtre des Nations e al Théâtre d'Europe, quattro volte al Festwoche di Zurigo, due volte all'Holland Festival, e poi al Festival di Edimburgo, a quello di Avignone, alla World Theatre Season di Londra, al Festival Cervantino in Messico), nelle quattro tournée a Mosca, a Leningrado, e in Paesi dell'Est Europa, nella tenitura eccezionale per uno spettacolo straniero a New York (33 recite), nell'aver visitato in una sola estate nove Paesi delle tre Americhe (Stati Uniti, Canada, Argentina, Brasile, Venezuela, Messico, Uruguay, Perù e Cuba).
In totale, il Teatro Stabile di Genova ha portato all'estero 27 spettacoli che hanno realizzato 383 rappresentazioni in 58 città. In Italia, questi dati sono secondi solo a quelli del Piccolo Teatro di Milano.

La Compagnia è formata da un nucleo di attori che da molti anni lavorano al Teatro Stabile di Genova e da guest artists, scelti fra i più importanti della scena nazionale. Fra questi Mariangela Melato e Eros Pagni. Quanto ai registi, accanto alle presenze fisse, prima di Luigi Squarzina (condirettore con Chiesa dal 1963 al 1976) e oggi di Marco Sciaccaluga (regista stabile da 30 anni), troviamo fra i registi italiani ad esempio i nomi di Orazio Costa, Gianfranco De Bosio, Egisto Marcucci, Walter Pagliaro, Elio Petri, Luca Ronconi, Franco Zeffirelli, Guido De Monticelli. E una vocazione europea avvertita da sempre ha consentito la collaborazione di registi stranieri quali William Gaskill e Terry Hands, e, nell'ultima parte della sua storia, le presenze particolarmente significative e "formative" per il Teatro Stabile di Genova di Otomar Krejca, presente per tre stagioni consecutive, di Peter Stein, di Benno Besson, di Alfredo Arias e di Matthias Langhoff.
Oltre alla produzione teatrale e alle proposte di spettacoli ospitati, il Teatro Stabile di Genova cura una sua produzione editoriale (ad oggi 121 titoli) e ha fondato il Museo-Biblioteca dell'Attore, uno dei tre maggiori centri di questo tipo in Italia.

Il Teatro Stabile svolge attività didattiche, culturali e di ricerca drammaturgica; dispone di una Scuola di Recitazione strutturata su un Corso di Orientamento annuale e uno di Qualificazione biennale