vai al contenuto vai al footer

VILLA DURAZZO PALLAVICINI

Tipologia: Architetture/Ville e palazzi
VIA PALLAVICINI 11 - 16155 Genova (GE)
Telefono: 010/6981048; 010/6984045
Fax: 010/6974040
Il complesso architettonico di Villa Durazzo Pallavicini rappresenta uno dei più raffinati esempi di residenza nobiliare di villeggiatura ottocentesca. La sua architettura, che si erge al di sopra dell'abitato odierno, conserva ancora oggi peculiarità importanti legate soprattutto alla storia moderna del quartiere di Pegli e al suo sviluppo turistico di metà ottocento. Il Palazzo, donato al Comune di Genova nel 1928, è stato ampliato e rifatto fra il 1837 e il 1846 in stile neoclassico vissuto nell'ottica del romanticismo da Michele Canzio che progettò anche il il grande parco d'aspetto scenografico e ricco di paesaggi naturali. Articolato su quattro piani, con un'ampia terrazza panoramica, porta l'impronta neoclassica sia nello svolgimento degli spazi interni che nelle ornamentazioni parietali, i finti velari, i fregi dipinti o stuccati, le volte o i soffitti a lacunari illusionistici, carichi di un repertorio che richiama i risvolti romantici dell'atteggiamneto neoclassico verso l'archeologia e l'antichità. In villa Durazzo Pallavicini sono presenti anche il giardino botanico "Clelia Durazzo Grimaldi" e il Museo di Archeologia Ligure. Il primo, pur essendo uno dei più piccoli orti botanici italiani, è ricco di specie interessanti e rare disposte con un criterio squisitamente didattico ed in una cornice architettonica monumentale affascinante, dove sia l'esperto botanico sia il più profano giardiniere sanno trovare motivi di interesse e meraviglia. Il secondo, ospitato all'interno del palazzo residenziale, esibisce importanti reperti disposti lungo un percorso didattico-espositivo accattivante. Un viaggio nel tempo, a partire dai primi abitanti della Liguria fino alle civiltà che più marcatamente ne segnarono la storia antica.

Luoghi d'arte collegati

GIARDINO BOTANICO "CLELIA DURAZZO GRIMALDI"
Nel complesso di Villa Durazzo Pallavicini a Pegli, proprio accanto allo scenografico parco ideato da Michele Canzio, c'è un gioiello da vedere per chi studia le piante, per chi le coltiva e per chi, semplicemente, le ama. Fondato nel 1794 dalla marchesa Clelia Durazzo Grimaldi, apprezzata scienziata, il giardino che porta il suo nome è noto anche all'estero per la rarità e la bellezza dei suoi esemplari, nel contesto unico delle serre antiche
VILLA DURAZZO PALLAVICINI
Tipologia: Ville e palazzi
VIA PALLAVICINI 11 16155 Genova (GE)
Telefono: 010/6981048; 010/6984045
Fax: 010/6974040
Il complesso architettonico di Villa Durazzo Pallavicini rappresenta uno dei più raffinati esempi di residenza nobiliare di villeggiatura ottocentesca. La sua architettura, che si erge al di sopra dell'abitato odierno, conserva ancora oggi peculiarità importanti legate soprattutto alla storia moderna del quartiere di Pegli e al suo sviluppo turistico di metà ottocento. Il Palazzo, donato al Comune di Genova nel 1928, è stato ampliato e rifatto fra il 1837 e il 1846 in stile neoclassico vissuto nell'ottica del romanticismo da Michele Canzio che progettò anche il il grande parco d'aspetto scenografico e ricco di paesaggi naturali. Articolato su quattro piani, con un'ampia terrazza panoramica, porta l'impronta neoclassica sia nello svolgimento degli spazi interni che nelle ornamentazioni parietali, i finti velari, i fregi dipinti o stuccati, le volte o i soffitti a lacunari illusionistici, carichi di un repertorio che richiama i risvolti romantici dell'atteggiamneto neoclassico verso l'archeologia e l'antichità. In villa Durazzo Pallavicini sono presenti anche il giardino botanico "Clelia Durazzo Grimaldi" e il Museo di Archeologia Ligure. Il primo, pur essendo uno dei più piccoli orti botanici italiani, è ricco di specie interessanti e rare disposte con un criterio squisitamente didattico ed in una cornice architettonica monumentale affascinante, dove sia l'esperto botanico sia il più profano giardiniere sanno trovare motivi di interesse e meraviglia. Il secondo, ospitato all'interno del palazzo residenziale, esibisce importanti reperti disposti lungo un percorso didattico-espositivo accattivante. Un viaggio nel tempo, a partire dai primi abitanti della Liguria fino alle civiltà che più marcatamente ne segnarono la storia antica.

Luoghi d'arte collegati

GIARDINO BOTANICO "CLELIA DURAZZO GRIMALDI"
Nel complesso di <strong>Villa Durazzo Pallavicini </strong>a<strong> Pegli</strong>, proprio accanto allo scenografico <strong>parco</strong> ideato da Michele Canzio, c'è un gioiello da vedere per chi studia le piante, per chi le coltiva e per chi, semplicemente, le ama. Fondato nel 1794 dalla marchesa <strong>Clelia Durazzo Grimaldi</strong>, apprezzata scienziata, il giardino<strong> </strong>che porta il suo nome è noto anche all'estero per la rarità e la bellezza dei suoi esemplari, nel contesto unico delle <strong>serre antiche</strong>