vai al contenuto vai al footer

Musei e raccolte

La cultura, l'identità, la storia e la espressione artistica dei Liguri e della Liguria. Un patrimonio culturale complesso, fatto di episodi d'arte e preziose testimonianze, dal passato più remoto fino a quello più prossimo, che si intrecciano con paesaggi già straordinari e pure straordinariamente antropizzati e con più nascoste ma sorprendenti espressioni della civiltà e dei saperi delle Comunità locali. Un patrimonio conservato, valorizzato e tramandato anche grazie ai musei e alle raccolte, alle reti museali, ai luoghi di testimonianza diffusi su tutto il territorio regionale.

Nelle pagine seguenti sono elencate le strutture museali di enti locali, di proprietà ecclesiastica o privata che hanno fatto pervenire alla Regione Liguria i propri dati compilando i questionari di autorilevazione distribuiti in ripetute occasioni, anche a fini statistici. A queste si aggiungeranno presto numerose altre realtà locali. L'offerta museale ligure è completata dagli importanti musei ed aree archeologiche dipendenti dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

Si segnala che alcuni musei sono inclusi in più tipologie in ragione delle diverse nature del patrimonio da loro conservato.

Portovenere
Musei e raccolte/Archeologia
Sull'Isola del Tino nel convento degli Olivetani il museo propone reperti ceramici, vitrei e metallici provenienti dagli scavi dell'antico Monastero del Tino ed è visitabile il 13 settembre, in occasione della festa di San Venerio, e la domenica seguente. Da visitare anche i resti di un complesso di culto, sorto in età altomedievale, proprio intorno alla sepoltura del monaco eremita.
icona
Albenga
Musei e raccolte/Arte
Situato all'interno dell'antico Palazzo Vescovile della diocesi di Albenga-Imperia, il percorso si svolge a partire dai reperti di scavi effettuati nella Cattedrale. Si segnalano sulle pareti i resti degli affreschi a trompe l'oeil, realizzati negli anni 1459-66. Sono esposti ceramiche di età rinascimentale, dipinti e tessuti: tra le opere più importanti, la pala di Guido Reni col Martirio di Santa Caterina di Alessandria e gli arazzi cinquecenteschi con le Storie dell'infanzia di Mosè.
icona
Alassio
Musei e raccolte/Arte
Palazzo Morteo ospita in mostra permanente ventidue opere dello scrittore-pittore torinese Carlo Levi (1902-1975) che aveva scelto la cittadina di Alassio come residenza estiva. La pinacoteca offre al visitatore una serie di paesaggi ritratti dall'artista nei lunghi mesi di permanenza nella località ligure.
icona
Montegrosso Pian Latte
Musei e raccolte/Storia naturale e scienze naturali
Il nucleo principale del museo dedicato alla castagna è costituito dall'esposizione Il bosco addomesticato: di qui ha inizio un itinerario che conduce prima ad un essicatoio recentemente restaurato, poi a una radura nel bosco dove sono state ricostruite due carbonaie e infine ad un bosco di castagni. Da vedere anche la macchina per battere le castagne, costruita negli anni 40' e presentata come primo esempio di industrializzazione di una tradizionale lavorazione manuale.
icona
Loano
Musei e raccolte/Specializzato
Si trova sul lungomare, la Casetta dei Lavoratori del Mare di Loano: l'associazione culturale è intitolata a chi in passato ha dedicato una vita sul mare o per il mare come navigatori, armatori, costruttori e approvvigionatori di velieri, marinai, pescatori e appassionati del mare, ed è finalizzata ad onorare uomini e opere non apparsi sulla scena maggiore della storia, e quindi condannati all'oblio se non ricordati dalla devota ammirazione dei contemporanei.
Icona
Albenga
Musei e raccolte/Archeologia
All'interno dell'antico Palazzo Peloso Cepolla, il museo nasce dal ritrovamento di una nave romana del I secolo a.C. a circa due miglia dalla costa ingauna. Conserva, oltre ai ritrovamenti della nave romana, anche materiali sottomarini rinvenuti dalle diverse esplorazioni subacquee nei fondali circostanti l'isola Gallinara. Nella sala detta degli affreschi è allestita la raccolta degli antichi vasi da farmacia provenienti dall'ospedale di Albenga.
icona
Rapallo
Musei e raccolte/Specializzato
Da casa Gaffoglio all’ex Convento delle Clarisse di Rapallo: preziose collezioni di oreficeria, avori, porcellane, argenti, sculture e dipinti, raccolti da Attilio e Cleofe Gaffoglio e databili dal XIV al XX secolo, sono ora a disposizione del pubblico. Donati al Comune di Rapallo nel 2000, le opere e gli oggetti d'arte esposti sono divisi per tipologia di materiali e tecniche di realizzazione, secondo le aree e gli ambienti artistici di appartenenza.
icona
Noli
Musei e raccolte/Territoriale
Il progetto nasce per volontà in particolare del Comune di Noli che ne ha assunto il ruolo di capofila e di soggetto principale nella pianificazione delle scelte culturali nel proprio territorio. Un museo in fieri, nel quale la città medesima possa divenire museo: la sede espositiva è infatti intesa come centro di relazioni e scambi culturali e sociali, come punto di partenza per visite tematiche nel centro storico cittadino.
icona
Pieve di Teco
Musei e raccolte/Arte
Le Maschere di Ubaga è un progetto nato da una ricognizione di Franco Dante Tiglio sulle origini e sui contenuti della cultura contadina del piccolo centro, in Alta Valle Arroscia. Nell'idioma ligure pre- latino Ubagu designava le località ombrose e inospitali, abitate da primitive tribù di pastori agricoltori che avevano dato vita al culto del monte Bego:  oggi, 80 maestri italiani e stranieri dell'arte contemporanea interpretano il tema, in un'esposizione permanente.
icona
Genova
Musei e raccolte/Storia naturale e scienze naturali
José de Calasanz (italianizzato in Giuseppe Calasanzio), nasce in Spagna nel 1557 e, diventato sacerdote, fonda a Roma l'ordine religioso degli Scolopi per offrire ai ragazzi più poveri l'opportunità di studiare. L'istituto di Cornigliano ospita oggi la raccolta di reperti paleontologici, fossili, minerali, erbari e preparati zoologici, creata nell'Ottocento da padre Filippo Ighini.
Icona