vai al contenuto vai al footer

Architetture

I segni che, nel tempo, l’uomo ha lasciato sul territorio sono ben presenti in Liguria, da Ventimiglia a Sarzana. Il Medioevo e l’epoca moderna ci hanno lasciato numerosi luoghi di devozione e culto, come santuari, monasteri, chiese ed edifici religiosi, in cui non è difficile trovare esempi degli stili che hanno caratterizzato l’architettura europea. Ma un po’ ovunque, principati, feudatari e signori locali hanno costruito fortificazioni, castelli, torri e fortezze, di cui è ancora possibile scoprire ruderi nell’entroterra. Non sono neppure insolite importanti infrastrutture pubbliche come gli acquedotti.

Cervo
Architetture/Castelli e fortificazioni
Complesso fortificato del XII secolo, che ha subito attraverso i secoli molte alterazioni e trasformazioni. Oggi è sede del Museo Etnografico del Ponente
icona
Civezza
Architetture/Castelli e fortificazioni
I resti delle fortificazioni erette, secondo la tradizione, in occazione delle incursioni dei pirati barbareschi sono ancora visibili in alcune parti del paese, che si dice fosse difeso da cinque torri
icona
Rezzo
Architetture/Castelli e fortificazioni
Il secentesco Palazzo-fortezza dei Marchesi di Clavesana, e i resti del castello medievale si trovano sulla sommita del paese, a controllo della vallata. Tra le altre strutture medievali presenti nel borgo, si ricorda la cosiddetta Casa degli Armigeri
icona
Apricale
Architetture/Castelli e fortificazioni
Il castello è gia noto a partire dal XIII secolo in quanto proprieta dei conti di Ventimiglia. Dell'edificio, distrutto nel 1523 dal Vescovo Agostino Grimaldi, rimangono visibili le torri quadrangolari e le mura più esterne.
icona
Taggia
Architetture/Castelli e fortificazioni
Dalla piazza centrale si puo salire alla sommita della collina dove rimangono alcune parti della cittadella che si era sviluppata attorno al castello duecentesco.
icona
Cervo
Architetture/Castelli e fortificazioni
La dimora aristocratica si trova alla sommità del borgo di Cervo. Verso il 1100 dopo Cristo la torre viene mozzata e inglobata nella residenza fortificata dei Marchesi di Clavesana. Da quest'epoca la residenza è progressivamente ampliata fino a raggiungere l'attuale forma e dimensione e oggi si presenta come un edificio a pianta rettangolare dotato di quattro torrioni
Icona
Ventimiglia
Architetture/Castelli e fortificazioni
Esempio di architettura fortificata del XIX secolo, la fortezza sorge a margine del centro di Ventimiglia medioevale, sullo sperone a picco sul mare di punta Rocca proteso verso la Costa Azzurra. Oggi il Forte dell'Annunziata si compone di un corpo ottocentesco su quattro livelli con accesso dalla via Aurelia, cui si deve aggiungere un ulteriore livello costituito dalla sopraelevazione degli anni Trenta dove è attualmente ospitato il Civico Museo archeologico Girolamo Rossi
Icona
Dolceacqua
Architetture/Castelli e fortificazioni
Il maniero è inserito nel borgo storico del paese, dal XII secolo la sua torre circolare sovrasta l'abitato. Il castello è stato ampliato nel XVI secolo dall'allora signore locale Stefano Doria, che aggiunse alla precedente struttura un bastione speronato nel settore orientale e le due torri quadrate identiche. Oggi la struttura appare come divisa in due blocchi, la parte anteriore destinata al controllo e alla sicurezza del borgo e la parte retrostante, collegata con il corpo anteriore tramite un ampio cortile, per gli ambienti di rappresentanza
Icona
Cipressa
Architetture/Castelli e fortificazioni
Torre posta su un poggio, costruita nel XVI secolo per la difesa dalle incursioni dei pirati barbareschi
icona
Dolceacqua
Architetture/Castelli e fortificazioni
Resti del sistema fortificato preromano costituito dai castellari allineati sulla sommità delle colline
Icona