vai al contenuto vai al footer

Architetture

I segni che, nel tempo, l’uomo ha lasciato sul territorio sono ben presenti in Liguria, da Ventimiglia a Sarzana. Il Medioevo e l’epoca moderna ci hanno lasciato numerosi luoghi di devozione e culto, come santuari, monasteri, chiese ed edifici religiosi, in cui non è difficile trovare esempi degli stili che hanno caratterizzato l’architettura europea. Ma un po’ ovunque, principati, feudatari e signori locali hanno costruito fortificazioni, castelli, torri e fortezze, di cui è ancora possibile scoprire ruderi nell’entroterra. Non sono neppure insolite importanti infrastrutture pubbliche come gli acquedotti.

Savignone
Architetture/Ville e palazzi
Il palazzo, un tempo adibito a ospedale, si affaccia sulla piazza principale del paese, affianco alla chiesa. Eretto nel XVIII secolo dal conte Gerolamo Fieschi con la funzione di ospedale e farmacia, conserva una lastra marmorea con una epigrafe del 1777 che fa riferimento a tale attività
icona
Genova
Architetture/Ville e palazzi
L'Albergo dei Poveri (oggi sede sia dell'Istituto E. Brignole sia delle Facoltà di Scienze Politiche e Giurisprudenza dell'Università di Genova) fu costruito a partire dal 1656 sul fondo della valle di Carbonara, appena fuori dalla cinta muraria seicentesca. Fu progettato ex novo su idea del patrizio genovese Emanuele Brignole per accogliere in un'unica struttura i poveri e i disadattati sociali che fino a quel momento erano ricoverati presso i vari istituti caritativi della città (Ospedale Pammatone, Lazzaretto della Foce)
icona
Genova
Architetture/Ville e palazzi
Dal 1845 l'edificio, costruito nella seconda metà del XVI secolo per Franco Lercari, è proprietà della famiglia Parodi. Alla realizzazione delle decorazioni interne hanno collaborato artisti quali i fratelli Calvi, Ottavio e Andrea Semino e Luca Cambiaso
icona
Genova
Architetture/Ville e palazzi
Prestigioso palazzo di Strada Nuova, oggi via Garibaldi, costruito alla fine del XVI secolo da Giovanni Battista Castello e Bernardo Cantone per volere di Nicolosio Lomellino. In seguito la proprietà passo alla famiglia Centurione, ai Pallavicini, ai Raggi ed infine ad Andrea Podesta, da cui è pervenuto per discendenza diretta ai Bruzzo, attuali proprietari dell'immobile
icona
Bordighera
Architetture/Ville e palazzi
Residenza privata della regina Margherita di Savoia, dove si è spenta nel 1926
icona
Genova
Architetture/Ville e palazzi
All'innesto di vico Scudai con vico Indoratori sono ancora conservati i piani terreni mercantili di tre case databili al Duecento
Icona
Genova
Architetture/Ville e palazzi
La villa, costruita nel XVI secolo, nel 1607 ospita il Duca di Mantova Vincenzo Gonzaga al seguito del quale giunge a Genova, per la prima volta, Pietro Paolo Rubens. L'edificio, proprietà del Comune di Genova, è oggi sede di una scuola
Icona
Bordighera
Architetture/Ville e palazzi
Palazzo progettato nel XIX secolo da Charles Garnier, conserva interessanti dipinti di artisti italiani e stranieri attivi in città tra Otto e Novecento
icona
Genova
Architetture/Ville e palazzi
La villa seicentesca, sita a Genova Quarto dei Mille, ospita oggi il Museo Garibaldino. Nelle due sale, che ospitarono Giuseppe Garibaldi, sono oggi conservati cimeli garibaldini, materiale dell'epoca risorgimentale e del periodo delle guerre mondiali
Icona
Genova
Architetture/Ville e palazzi
Tra il 1826 e il 1832 sorge in Piazza De Ferrari, sull'area del demolito convento di San Domenico e addossato alla collina di Piccapietra, un nuovo edificio a tre piani "ad uso della Libreria e dell'Accademia" che riutilizza il porticato progettato da Barabino nel 1821 per una caserma posta in aderenza al teatro lirico, oggi Teatro Carlo Felice
Icona