vai al contenuto vai al footer

Architetture

I segni che, nel tempo, l’uomo ha lasciato sul territorio sono ben presenti in Liguria, da Ventimiglia a Sarzana. Il Medioevo e l’epoca moderna ci hanno lasciato numerosi luoghi di devozione e culto, come santuari, monasteri, chiese ed edifici religiosi, in cui non è difficile trovare esempi degli stili che hanno caratterizzato l’architettura europea. Ma un po’ ovunque, principati, feudatari e signori locali hanno costruito fortificazioni, castelli, torri e fortezze, di cui è ancora possibile scoprire ruderi nell’entroterra. Non sono neppure insolite importanti infrastrutture pubbliche come gli acquedotti.

Vernazza
Architetture/Edifici religiosi
La chiesa, costruita tra il 1334 e il 1351 inglobando i resti della primitiva cappella, è stata in seguito rimaneggiata e presenta all'interno sovrapposizioni di forme gotiche e barocche
icona
Vernazza
Architetture/Edifici religiosi
La parrocchiale in stile gotico ligure, costruita sul sito di una precedente costruzione dell'undicesimo secolo, risale al XIV secolo. I restauri degli anni Sessanta l'hanno privata delle aggiunte barocche restituendole le antiche forme. La chiesa è famosa per la sua maestosa torre campanaria ottagonale, unica in tutta la Liguria. Al suo interno un pregevole Crocifisso ligneo di Anton Maria Maragliano
icona
Vernazza
Architetture/Edifici religiosi
L'edificio, costruito sui resti di un antico luogo di preghiera (V secolo) di cui rimangono i resti sotto la pavimentazione attuale, risale probabilmente al XI secolo. Successivi rifacimenti ne hanno alterato la struttura originaria a pianta basilicale, trasformandolo a croce latina. Il santuario di Nostra Signora di Reggio ha facciata romanica e interno barocco, e custodisce un'effigie mariana di scuola toscana del XIV secolo, oggetto di grande devozione, e una bellissima collezione di "ex voto" di marinai
Icona
Vernazza
Architetture/Edifici religiosi
Santuario posto a 385 metri sul livello del mare, sorge su una cappella più antica collegata, secondo la tradizione, al passaggio di San Bernardino da Siena
icona