vai al contenuto vai al footer

Architetture

I segni che, nel tempo, l’uomo ha lasciato sul territorio sono ben presenti in Liguria, da Ventimiglia a Sarzana. Il Medioevo e l’epoca moderna ci hanno lasciato numerosi luoghi di devozione e culto, come santuari, monasteri, chiese ed edifici religiosi, in cui non è difficile trovare esempi degli stili che hanno caratterizzato l’architettura europea. Ma un po’ ovunque, principati, feudatari e signori locali hanno costruito fortificazioni, castelli, torri e fortezze, di cui è ancora possibile scoprire ruderi nell’entroterra. Non sono neppure insolite importanti infrastrutture pubbliche come gli acquedotti.

Ceranesi
Architetture/Edifici religiosi
Nei pressi della frazione Gaiazza si trova la piccola Cappella della Madonna dell'Orto nata probabilmente come luogo di sosta lungo la via del Sale
icona
Ceranesi
Architetture/Edifici religiosi
La parrocchiale di San Lorenzo presenta forme neoclassiche frutto degli interventi occorsi nel 1879 in seguito alla parziale distruzione dell'edificio seicentesco causata da un fulmine. All'interno si segnala una pala d'altare raffigurante il Martirio di San Lorenzo e attribuita a Bernardo Castello
icona
Ceranesi
Architetture/Edifici religiosi
Il Santuario di Nostra Signora della Guardia è sorto sul finire del XV secolo in seguito a due apparizioni della Madonna a Beato Pareto, contadino della zona. Il complesso attuale è frutto dell'ultimo grande intervento del 1868. La Basilica, in stile rinascimentale, conserva opere perlopiù ottocentesche di artisti liguri e una grande raccolta di ex-voto donati dai fedeli e dai pellegrini che salgono in grande numero alla vetta del Monte Figogna
icona
Ceranesi
Architetture/Edifici religiosi
Attiguo alla Chiesa Parrocchiale di Santa Maria, nella frazione Gaiazza, è situato l'Oratorio parrocchiale di San Bernardino da Siena. Sorto probabilmente verso la fine del XV secolo, era gestito in origine dalla Casaccia di Santa Maria. Nel corso di alcuni lavori sono riemersi alcuni frammenti di pitture murali databili alla fine del Quattrocento
icona