vai al contenuto vai al footer

Architetture

I segni che, nel tempo, l’uomo ha lasciato sul territorio sono ben presenti in Liguria, da Ventimiglia a Sarzana. Il Medioevo e l’epoca moderna ci hanno lasciato numerosi luoghi di devozione e culto, come santuari, monasteri, chiese ed edifici religiosi, in cui non è difficile trovare esempi degli stili che hanno caratterizzato l’architettura europea. Ma un po’ ovunque, principati, feudatari e signori locali hanno costruito fortificazioni, castelli, torri e fortezze, di cui è ancora possibile scoprire ruderi nell’entroterra. Non sono neppure insolite importanti infrastrutture pubbliche come gli acquedotti.

Ventimiglia
Architetture/Castelli e fortificazioni
Esempio di architettura fortificata del XIX secolo, la fortezza sorge a margine del centro di Ventimiglia medioevale, sullo sperone a picco sul mare di punta Rocca proteso verso la Costa Azzurra. Oggi il Forte dell'Annunziata si compone di un corpo ottocentesco su quattro livelli con accesso dalla via Aurelia, cui si deve aggiungere un ulteriore livello costituito dalla sopraelevazione degli anni Trenta dove è attualmente ospitato il Civico Museo archeologico Girolamo Rossi
Icona
Portovenere
Architetture/Castelli e fortificazioni
Il Castello è una imponente opera di architettura militare realizzata dalla Repubblica di Genova tra il XVI e XVII secolo sul promontorio di Punta San Pietro a controllo dell'antico borgo di Porto Venere, dal centro del quale, attraverso una stretta e ripida scalinata in parte scavata nella roccia, si giunge al portale d'accesso
Icona
Calice al Cornoviglio
Architetture/Castelli e fortificazioni
Dopo il recente restauro conservativo il castello ha recuperato l'aspetto cinquecentesco e la centralità rispetto al paese sviluppatosi in epoca medievale alle pendici della collina fortificata. Attualmente è sede del Centro di Educazione Ambientale e di un polo museale
icona
La Spezia
Architetture/Castelli e fortificazioni
Complessa fortificazione eretta intorno alla metà del XIII secolo da Nicolò Fieschi e modificata in fasi successive
Icona
Lavagna
Architetture/Castelli e fortificazioni
icona
Dolceacqua
Architetture/Castelli e fortificazioni
Il maniero è inserito nel borgo storico del paese, dal XII secolo la sua torre circolare sovrasta l'abitato. Il castello è stato ampliato nel XVI secolo dall'allora signore locale Stefano Doria, che aggiunse alla precedente struttura un bastione speronato nel settore orientale e le due torri quadrate identiche. Oggi la struttura appare come divisa in due blocchi, la parte anteriore destinata al controllo e alla sicurezza del borgo e la parte retrostante, collegata con il corpo anteriore tramite un ampio cortile, per gli ambienti di rappresentanza
Icona
Framura
Architetture/Castelli e fortificazioni
Le torri fatte costruire dalla Repubblica genovese a difesa e controllo del territorio e dei suoi abitanti si trovano ad Anzo, Setta, Costa e Ravecca
icona
Ronco Scrivia
Architetture/Castelli e fortificazioni
Il castello, di cui rimangono poche rovine tuttora visibili, è stato costruito tra l'XI e il XII secolo dai Malaspina, primi proprietari del feudo. Successivamente trasformato in palazzo residenziale, diventa proprietà della famiglia Spinola, che lo abita ancora a meta del Seicento, fino alla soppressione dei feudi imperiali liguri, voluta da Napoleone nel 1797
icona
Rapallo
Architetture/Castelli e fortificazioni
Il borgo murato di Rapallo, come viene definito nel 1629 dal Senato della Repubblica di Genova, era chiuso da mura ora abbattute e disponeva di cinque porte. L'unica superstite e ancora visibile è la porta delle Saline
icona
Andora
Architetture/Castelli e fortificazioni
L'antico castello dei Clavesana, feudatari della zona, risale al XIII secolo ed è stato abbandonato, per le malsane paludi alla foce del torrente, tra il XV e il XVI secolo
icona