vai al contenuto vai al footer

Architetture

I segni che, nel tempo, l’uomo ha lasciato sul territorio sono ben presenti in Liguria, da Ventimiglia a Sarzana. Il Medioevo e l’epoca moderna ci hanno lasciato numerosi luoghi di devozione e culto, come santuari, monasteri, chiese ed edifici religiosi, in cui non è difficile trovare esempi degli stili che hanno caratterizzato l’architettura europea. Ma un po’ ovunque, principati, feudatari e signori locali hanno costruito fortificazioni, castelli, torri e fortezze, di cui è ancora possibile scoprire ruderi nell’entroterra. Non sono neppure insolite importanti infrastrutture pubbliche come gli acquedotti.

Rezzo
Architetture/Castelli e fortificazioni
Il secentesco Palazzo-fortezza dei Marchesi di Clavesana, e i resti del castello medievale si trovano sulla sommita del paese, a controllo della vallata. Tra le altre strutture medievali presenti nel borgo, si ricorda la cosiddetta Casa degli Armigeri
icona
Riomaggiore
Architetture/Castelli e fortificazioni
Castello eretto nel XV secolo e riutilizzato dal XIX secolo come muro di recinzione del cimitero
icona
Masone
Architetture/Castelli e fortificazioni
Alla fine del XIX secolo, a protezione e controllo delle Valli del Ceresolo e del Gorsexio e del Passo del Turchino, il genio militare fa costruire due fortezze: quella più imponente di Forte Geremia e la Batteria Aresci in territorio di Mele. Le due batterie erano collegate da cinque chilometri di strada carrozzabile militare e telegrafo. Le due strutture militari, circondate da fossati custodivano cannoni, armi, materiale esplosivo. La Batteria Aresci è oggi impenetrabile a causa dell'esplosione della polveriera mentre il Forte Geremia è stato di recente restaurato per destinarlo a funzioni ricettive
icona
Apricale
Architetture/Castelli e fortificazioni
Il castello è gia noto a partire dal XIII secolo in quanto proprieta dei conti di Ventimiglia. Dell'edificio, distrutto nel 1523 dal Vescovo Agostino Grimaldi, rimangono visibili le torri quadrangolari e le mura più esterne.
icona
Varese Ligure
Architetture/Castelli e fortificazioni
La torre civica di Varese Ligure rappresenta ciò che resta del cinquecentesco complesso conventuale agostiniano di Santa Croce. In seguito all'avvento della Repubblica Democratica Ligure (1797) e alla soppressione degli ordini religiosi il campanile è passato al Municipio
Icona
Varese Ligure
Architetture/Castelli e fortificazioni
Il castello, edificato dai Fieschi alla metà del XIII secolo per difendersi dai Pinelli, sorgeva lungo la strada che da Varese Ligure conduce a Cento Croci e serviva a controllare la viabilità verso la pianura emiliana
Icona
Taggia
Architetture/Castelli e fortificazioni
Dalla piazza centrale si puo salire alla sommita della collina dove rimangono alcune parti della cittadella che si era sviluppata attorno al castello duecentesco.
icona
Albenga
Architetture/Castelli e fortificazioni
Fortezza costruita dai genovesi nel XVI secolo, in discreto stato di conservazione, originariamente era a pianta quadrata. Non fu mai teatro di avvenimenti militari di rilievo
icona
Genova
Architetture/Castelli e fortificazioni
La Lanterna è stata ricostruita nel 1543 grazie a un finanziamento del Banco di San Giorgio e modificata all'inizio dell'Ottocento con l'aggiunta delle fortificazioni sabaude oggi sede del Museo. Dal 1932 è stata sottoposta a diversi interventi di restauro, sino alla sua apertura al pubblico nel '94
Icona
Cervo
Architetture/Castelli e fortificazioni
La dimora aristocratica si trova alla sommità del borgo di Cervo. Verso il 1100 dopo Cristo la torre viene mozzata e inglobata nella residenza fortificata dei Marchesi di Clavesana. Da quest'epoca la residenza è progressivamente ampliata fino a raggiungere l'attuale forma e dimensione e oggi si presenta come un edificio a pianta rettangolare dotato di quattro torrioni
Icona