vai al contenuto vai al footer

Architetture

I segni che, nel tempo, l’uomo ha lasciato sul territorio sono ben presenti in Liguria, da Ventimiglia a Sarzana. Il Medioevo e l’epoca moderna ci hanno lasciato numerosi luoghi di devozione e culto, come santuari, monasteri, chiese ed edifici religiosi, in cui non è difficile trovare esempi degli stili che hanno caratterizzato l’architettura europea. Ma un po’ ovunque, principati, feudatari e signori locali hanno costruito fortificazioni, castelli, torri e fortezze, di cui è ancora possibile scoprire ruderi nell’entroterra. Non sono neppure insolite importanti infrastrutture pubbliche come gli acquedotti.

Chiavari
Architetture/Edifici religiosi
La parrocchiale di San Giovanni Battista si presenta oggi in forme barocche in seguito ai rifacimenti seicenteschi mentre l'edificio originario è del 1182. All'interno sono conservate numerose opere di pittura e scultura di artisti liguri: da Domenico Fiasella a Orazio de Ferrari, da Domenico Piola a Francesco Schiaffino e Anton Maria Maragliano
icona
Chiavari
Architetture/Edifici religiosi
Nel 1824 l'arcivescovo di Genova, mons. Luigi Lambruschini, ottenne dal Comune l'edificio per fondarvi un seminario. La precedente struttura venne rimaneggiata e nel novembre 1826 si tenne la solenne inaugurazione
Icona
Chiavari
Architetture/Ville e palazzi
Il ritrovamento in facciata di un rilievo murato in pietra di Finale, oggi conservato nella sala espositiva del Museo, testimonia che la prima edificazione del palazzo risale alla seconda metà del XV secolo
Icona
Chiavari
Architetture/Ville e palazzi
Il nucleo originario del Palazzo viene realizzato nella zona di Capoborgo dall'architetto Bartolomeo Bianco tra il 1626 e il 1635 per la nobile famiglia Costaguta. Dopo di loro e in seguito a un periodo di declino, nel 1760 ne entrano in possesso i nobili genovesi Ranieri e Gerolamo Grimaldi, che ampliano il Palazzo verso levante, arricchendolo di dipinti e di arredi pregiati
icona
Chiavari
Architetture/Edifici religiosi
La cattedrale di Nostra Signora dell'Orto si trova nella piazza omonima, affiancata al Palazzo vescovile che ospita il Museo diocesano. La chiesa, realizzata nel Seicento, è stata in parte modificata nell'Ottocento con l'aggiunta del pronao classicheggiante realizzato su progetto di Luigi Poletti. Al suo interno numerose opere di scuola ligure e lombarda
icona
Chiavari
Architetture/Edifici religiosi
Tra Chiavari e Zoagli, in posizione elevata rispetto alla via Aurelia, si sale al Santuario della Madonna delle Grazie, eretto nel 1430 in seguito ad un fatto miracoloso. Il Santuario conserva un importante ciclo di affreschi di Teramo Piaggio e Luca Cambiaso
icona
Chiavari
Architetture/Edifici religiosi
La sede prescelta dalla Curia per il Museo Diocesano è il Palazzo Vescovile, costruito in stile neoclassico del 1833-36
Icona