vai al contenuto vai al footer

Architetture

I segni che, nel tempo, l’uomo ha lasciato sul territorio sono ben presenti in Liguria, da Ventimiglia a Sarzana. Il Medioevo e l’epoca moderna ci hanno lasciato numerosi luoghi di devozione e culto, come santuari, monasteri, chiese ed edifici religiosi, in cui non è difficile trovare esempi degli stili che hanno caratterizzato l’architettura europea. Ma un po’ ovunque, principati, feudatari e signori locali hanno costruito fortificazioni, castelli, torri e fortezze, di cui è ancora possibile scoprire ruderi nell’entroterra. Non sono neppure insolite importanti infrastrutture pubbliche come gli acquedotti.

Santa Margherita Ligure
Architetture/Edifici religiosi
Accanto a Villa Durazzo si trova la chiesa di San Giacomo di Corte, ricostruita in forme barocche nel Seicento in luogo del primitivo edificio documentato gia nel 974. Nella chiesa è conservata una statua lignea della Madonna della Lettera che è stata oggetto di un culto legato alla devozione mariana dei naviganti
icona
Valbrevenna
Architetture/Edifici religiosi
Nella frazione di Mareta si incontra una cappella rupestre che conserva assieme ad un interessante affresco le notizie storiche circa la sua realizzazione. La cappella è stata voluta da tal Giacomo Pasqualino nel 1576 che l'ha fatta decorare con un ciclo di affreschi di tema religioso
icona
Savignone
Architetture/Ville e palazzi
Il Palazzo Fieschi, fatto costruire nel biennio 1568-69 da Ettore Fieschi, si trova sulla piazza principale di Savignone. Eretto come nuova residenza dei Signori di Savignone in sostituzione del castello, è diventato nel XIX secolo un centro terapeutico. Gli interventi di restauro operati nel 1997 hanno restituito all'edificio storico l'aspetto originario
icona
Lavagna
Architetture/Architetture civili
Il Ponte detto della Maddalena risale al 1210 ed è stato voluto da Ugone Fieschi, ed è diventato punto catalizzatore di comunicazione tra Lavagna e Chiavari. Nel XIX secolo è il ponte, ormai insufficiente per il crescente traffico commerciale, è stato ampliato
icona
Uscio
Architetture/Edifici religiosi
La pieve romanica di Sant'Ambrogio, costruita intorno all'XI-XII secolo, faceva parte, insieme con le pievi di Recco, Camogli e Rapallo, dei benefici ecclesiastici della Diocesi milanese. L'edificio ha mantenuto le sue caratteristiche originarie fino agli inizi del XVIII secolo, quando ha subito una parziale trasformazione strutturale. Tra il 1893 e il 1895, affianco alla struttura romanica, viene eretta la nuova e più vasta parrocchiale. Un importante intervento di restauro ha consentito nel 1976 la riapertura al culto della chiesa
icona
Sestri Levante
Architetture/Edifici religiosi
Lungo la via che porta alla sommità dell'Isola si ergono alcuni pilastri e resti murari che appartengono al distrutto Oratorio di Santa Caterina
icona
Genova
Architetture/Edifici religiosi
La chiesa che si affaccia su piazza Matteotti è la più illustre testimonianza della presenza a Genova della Compagnia del Gesù. Eretta tra la fine del Cinquecento e l'inizio del Seicento (1580 e il 1606) dal gesuita Giuseppe Valerani, il corpo della chiesa sorge sul nucleo dell'antica chiesa di Sant'Ambrogio
Icona
Busalla
Architetture/Edifici religiosi
A Bastia sorge il suggestivo santuario legato al ritrovamento nel 1660 di una statuetta di pietra in una fessura della rupe e alla successiva apparizione della Madonna nel 1922. La primitiva cappella ha subito ampliamenti nel corso del XVIII secolo. L'attuale chiesa e l'annesso complesso religioso sono stati costruiti tra il 1922 e il 1980. Da segnalare la statua della Madonna, opera dello scultore genovese G.B. Airaldi.
Icona
Genova
Architetture/Castelli e fortificazioni
La torre, innalzata tra il 1820 e il 1825, è oggi proprietà del Comune di Genova.
Icona
Ceranesi
Architetture/Edifici religiosi
Nei pressi della frazione Gaiazza si trova la piccola Cappella della Madonna dell'Orto nata probabilmente come luogo di sosta lungo la via del Sale
icona