vai al contenuto vai al footer

Architetture

I segni che, nel tempo, l’uomo ha lasciato sul territorio sono ben presenti in Liguria, da Ventimiglia a Sarzana. Il Medioevo e l’epoca moderna ci hanno lasciato numerosi luoghi di devozione e culto, come santuari, monasteri, chiese ed edifici religiosi, in cui non è difficile trovare esempi degli stili che hanno caratterizzato l’architettura europea. Ma un po’ ovunque, principati, feudatari e signori locali hanno costruito fortificazioni, castelli, torri e fortezze, di cui è ancora possibile scoprire ruderi nell’entroterra. Non sono neppure insolite importanti infrastrutture pubbliche come gli acquedotti.

Carasco
Architetture/Castelli e fortificazioni
Castello dell'XI secolo, individuato da recenti indagini storico-archeologiche, eretto a Rivarola di Carasco per la posizione centrale, e quindi strategica, del luogo, nell'area in cui confluiscono i torrenti Lavagna, Sturla e Graveglia, formando l'Entella
icona
Casella
Architetture/Edifici religiosi
L'oratorio di San Filippo, edificato a partire dal 1556, sorge vicino alla chiesa parrocchiale di Santo Stefano. L'edificio è a pianta rettangolare con il pavimento in cotto e le panche in legno di castagno per i confratelli. L'interno conserva alcune oggetti che testimoniano l'attività della Confraternita tra i quali si segnalano gli antichi stampi per le Focacce di Sant'Antonio e l'urna per l'elezione del Priore
icona
Vobbia
Architetture/Edifici religiosi
L'oratorio è noto a partire dal XVII secolo e dal Settecento ospita la Confraternita della Santissima Trinità. A partire dal 1997 ha subito alcuni interventi di restauro finalizzati alla realizzazione di una sezione del Museo Storico a tappe dell'Alta Valle Scrivia
icona
Rapallo
Architetture/Edifici religiosi
Sull'antico percorso della strada consolare Aurelia, lungo l'argine di destra del torrente Santa Maria, si incontra una modesta casupola di campagna dall'intonaco vivace che richiama l'attenzione per un affresco che ne ricopre la parete verso levante. Si tratta dell'antico ospedale di San Lazzaro sorto nel XV secolo e attivo per poco più di cento anni. Di qualche interesse l'affresco che raffigura alcuni Santi e la Vergine
icona
Genova
Architetture/Edifici religiosi
La parrocchiale intitolata ai Santi Cornelio e Cipriano, ora visibile in forme barocche, è stata pievana della zona sino dal Medioevo
icona
Valbrevenna
Architetture/Castelli e fortificazioni
Il castello è stato costruito probabilmente intorno al XIII secolo dai Senarega, signori del luogo, ed in seguito nel 1685, è divenuto proprietà dei Fieschi di Savignone che in tal modo hanno completato il controllo sulle valli più importanti poste a nord - est della Repubblica di Genova
icona
Genova
Architetture/Castelli e fortificazioni
La torre, costruita nella prima metà del XIX secolo, è oggi saltuariamente adibita a ricovero per greggi.
Icona
Santa Margherita Ligure
Architetture/Edifici religiosi
Su un precedente edificio di culto del XIII secolo nel 1658 è stata eretta la chiesa attuale, su progetto di Giovanni Battista Ghiso. La facciata è invece opera di Carlo Orsolino che aveva realizzato anche il campanile destro nel 1750. L'interno, a pianta basilicale e decorato con ricchi stucchi, conserva alcune interessanti opere di artisti liguri e lombardi
Icona
Campo Ligure
Architetture/Castelli e fortificazioni
Castello di origine tardomedievale, rappresenta il simbolo del feudo imperiale e della famiglia Spinola che regge le sorti del paese in contrapposizione con la Repubblica di Genova. Il castello oltre che da abitazione del feudatario aveva principalmente funzione di controllo e difesa della valle e dei commerci che vi transitavano, funzione che perdura nell'eta moderna come dimostra la costruzione della cinta pentagonale nel XVI secolo. Caduto in disuso nel XVII secolo e quindi abbandonato, dopo il restauro è oggi dedicato a mostre e servizi
icona
Savignone
Architetture/Edifici religiosi
La chiesa di San Bartolomeo sorge a poca distanza dalla strada principale che collega Busalla con Casella. Nota sino dal XII secolo, la piccola chiesa conserva alcune tele di valore tra le quali spicca la pala di Sant'Agostino ed altri Santi di Luca Cambiaso
icona