vai al contenuto vai al footer

Architetture

I segni che, nel tempo, l’uomo ha lasciato sul territorio sono ben presenti in Liguria, da Ventimiglia a Sarzana. Il Medioevo e l’epoca moderna ci hanno lasciato numerosi luoghi di devozione e culto, come santuari, monasteri, chiese ed edifici religiosi, in cui non è difficile trovare esempi degli stili che hanno caratterizzato l’architettura europea. Ma un po’ ovunque, principati, feudatari e signori locali hanno costruito fortificazioni, castelli, torri e fortezze, di cui è ancora possibile scoprire ruderi nell’entroterra. Non sono neppure insolite importanti infrastrutture pubbliche come gli acquedotti.

Genova
Architetture/Ville e palazzi
Il palazzo cinquecentesco dei Grimaldi, trasformato nel XVIII secolo dagli Spinola e donato allo Stato dagli eredi con le collezioni d'arte e gli arredi originali, conserva il suo aspetto di dimora nobiliare offrendo al visitatore la possibilità di rivivere l'atmosfera di una residenza sei-settecentesca. L'edificio ospita oggi la prestigiosa Galleria Nazionale della Liguria: la quadreria comprende opere dei maggiori artisti genovesi, fiamminghi ed europei. Tra i dipinti: il celebre Ecce Homo di Antonello da Messina, opere di van Dyck, Mattia Preti. Notevole la collezione di ceramiche
Icona
Genova
Architetture/Ville e palazzi
L'antico palazzo, costruito nel XVII secolo, è oggi un museo-residenza: conserva intatti la natura, le opere d'arte, gli oggetti d'uso, le decorazioni e l'arredo. Particolarmente importante la collezione di mobili genovesi del XVII, XVIII e XIX secolo. La Galleria di Palazzo Reale ospita una ricca quadreria con una notevole quantità di dipinti d'autore: pittori genovesi; tele di Luca Giordano, Guercino, Veronese; statue antiche e della scuola del Bernini; opere di Van Dyck, Fiasella, Strozzi; sculture di Parodi, Baratta, Traverso, Schiaffino e opere di molti altri artisti
Icona
Genova
Architetture/Ville e palazzi
Il complesso architettonico di Villa Serra è costituito dalla palazzina neogotica in stile Tudor, dal settecentesco palazzo Serra Pinelli e dalla Casa dei Manenti con la torre neogotica merlata. La trasformazione architettonica dell'edificio è stata realizzata a meta dell'Ottocento da Carlo Cusani, progettista del parco romantico all'inglese che circonda la proprietà, acquistata nel 1982 dai Comuni di Genova, Sant'Olcese e Serra Riccò che per gestirlo hanno costituito il Consorzio Villa Serra. L'intero complesso, restaurato in occasione delle Colombiane del 1992, è diventato un Centro Culturale Polivalente di grande importanza
icona
Genova
Architetture/Ville e palazzi
Il palazzo, costruito nel XVI secolo per Angelo Giovanni Spinola, è oggi la prestigiosa sede di una banca e dal 1930 ospita al piano nobile il Circolo Artistico Tunnel. Le volte delle sale del piano nobile sono arricchite da affreschi di grande pregio, opera di Bernardo Castello, Andrea Semino e Lazzaro Tavarone
icona
Savignone
Architetture/Ville e palazzi
Il palazzo, un tempo adibito a ospedale, si affaccia sulla piazza principale del paese, affianco alla chiesa. Eretto nel XVIII secolo dal conte Gerolamo Fieschi con la funzione di ospedale e farmacia, conserva una lastra marmorea con una epigrafe del 1777 che fa riferimento a tale attività
icona
Genova
Architetture/Ville e palazzi
L'Albergo dei Poveri (oggi sede sia dell'Istituto E. Brignole sia delle Facoltà di Scienze Politiche e Giurisprudenza dell'Università di Genova) fu costruito a partire dal 1656 sul fondo della valle di Carbonara, appena fuori dalla cinta muraria seicentesca. Fu progettato ex novo su idea del patrizio genovese Emanuele Brignole per accogliere in un'unica struttura i poveri e i disadattati sociali che fino a quel momento erano ricoverati presso i vari istituti caritativi della città (Ospedale Pammatone, Lazzaretto della Foce)
icona
Genova
Architetture/Ville e palazzi
Dal 1845 l'edificio, costruito nella seconda metà del XVI secolo per Franco Lercari, è proprietà della famiglia Parodi. Alla realizzazione delle decorazioni interne hanno collaborato artisti quali i fratelli Calvi, Ottavio e Andrea Semino e Luca Cambiaso
icona
Genova
Architetture/Ville e palazzi
Prestigioso palazzo di Strada Nuova, oggi via Garibaldi, costruito alla fine del XVI secolo da Giovanni Battista Castello e Bernardo Cantone per volere di Nicolosio Lomellino. In seguito la proprietà passo alla famiglia Centurione, ai Pallavicini, ai Raggi ed infine ad Andrea Podesta, da cui è pervenuto per discendenza diretta ai Bruzzo, attuali proprietari dell'immobile
icona
Genova
Architetture/Ville e palazzi
All'innesto di vico Scudai con vico Indoratori sono ancora conservati i piani terreni mercantili di tre case databili al Duecento
Icona
Genova
Architetture/Ville e palazzi
La villa, costruita nel XVI secolo, nel 1607 ospita il Duca di Mantova Vincenzo Gonzaga al seguito del quale giunge a Genova, per la prima volta, Pietro Paolo Rubens. L'edificio, proprietà del Comune di Genova, è oggi sede di una scuola
Icona