vai al contenuto vai al footer

Architetture

I segni che, nel tempo, l’uomo ha lasciato sul territorio sono ben presenti in Liguria, da Ventimiglia a Sarzana. Il Medioevo e l’epoca moderna ci hanno lasciato numerosi luoghi di devozione e culto, come santuari, monasteri, chiese ed edifici religiosi, in cui non è difficile trovare esempi degli stili che hanno caratterizzato l’architettura europea. Ma un po’ ovunque, principati, feudatari e signori locali hanno costruito fortificazioni, castelli, torri e fortezze, di cui è ancora possibile scoprire ruderi nell’entroterra. Non sono neppure insolite importanti infrastrutture pubbliche come gli acquedotti.

Genova
Architetture/Castelli e fortificazioni
Il forte, costruito a inizio Ottocento, comprendeva due caserme ed era circondato da un fossato. Nel corso degli anni il complesso ha subito modifiche e mutilazioni. Durante l'ultima guerra è stato ulteriormente fortificato e usato anche come luogo di tortura. Attualmente la struttura non è visitabile perché sede del Comando Provinciale Carabinieri di Genova.
Icona
Genova
Architetture/Castelli e fortificazioni
Il forte, punto chiave delle fortificazioni genovesi ottocentesche, è situato al vertice delle "Mura Nuove" del 1630. Il suo ingresso è sovrastato dallo stemma dei Savoia ed è protetto da un fossato e da un robusto portone. Nella parte bassa si trovano la polveriera, la caserma centrale e la cappelletta annessa. Nelle giornate limpide si gode una stupenda vista panoramica su Val Polcevera, Val Bisagno e tratto appenninico dal Parco del Monte Beigua fino all'Antola.
Icona
Genova
Architetture/Castelli e fortificazioni
Il forte settecentesco, costruito nella valle del Bisagno e restaurato a metà Ottocento, è stato usato come caserma durante l'ultima guerra e poi abbandonato.
Icona
Genova
Architetture/Castelli e fortificazioni
Il forte, realizzato tra il 1818 e il 1830, era recentemente stato proposto per essere ristrutturato e utilizzato come Museo delle Fortificazioni. Il progetto non è ancora stato attuato e la struttura rischia ora di cadere in rovina.
Icona
Vobbia
Architetture/Castelli e fortificazioni
Il castello, costruito probabilmente gia nell'XI secolo e citato anche negli Annali del Caffaro, viene donato al Comune di Vobbia dagli eredi di G. B. Beroldo nel 1979, dopo essere appartenuto ai marchesi di Gavi, agli Spinola, agli Adorno e ai Botta Adorno. Lunghi lavori di restauro hanno portato al recupero della struttura, che oggi ospita una mostra permanente che illustra la storia dell'edificio, le fasi del restauro, la flora e la fauna dell'Antola. Nel periodo estivo è sede di manifestazioni e concerti
icona
Genova
Architetture/Castelli e fortificazioni
Il nuovo complesso di Castellaccio, costruito dopo il 1827, è composto dal forte e da Torre Specola, ma sono ancora visibili i resti dell'antico forte settecentesco, demolito e ricostruito dal 1818 in poi.
Icona
Genova
Architetture/Castelli e fortificazioni
Il forte, costruito nel 1828 dai piemontesi, è uno dei forti genovesi meglio conservati. La costruzione, sita in un punto molto panoramico che domina tutto il parco delle Mura, è oggetto di visite guidate. Da alcuni anni, il Comune di Genova lo utilizza per l'avvistamento degli incendi.
Icona
Genova
Architetture/Castelli e fortificazioni
Il forte, costruito a metà Settecento, viene sottoposto ad ulteriori lavori all'inizio del secolo successivo. I lavori di restauro, intrapresi nel 1982 e ripetutamente danneggiati da vandali, riprendono solo nel 1997. Oggi all'interno dell'area, assegnata all'Associvile, operano gli obiettori in servizio civile.
Icona
Genova
Architetture/Castelli e fortificazioni
Il forte attuale risale all'Ottocento, ma vi sono notizie di un fortilizio a San Martino già nel 1322. Dal 1990 un privato occupa la proprietà.
Icona
Cogoleto
Architetture/Castelli e fortificazioni
Nel centro urbano di Cogoleto si possono ancora scorgere, più o meno inglobate in nuovi edifici o parzialmente abbattute, alcune delle numerose torri fatte edificare dalla Repubblica di Genova per la difesa del territorio
icona