vai al contenuto vai al footer

Architetture

I segni che, nel tempo, l’uomo ha lasciato sul territorio sono ben presenti in Liguria, da Ventimiglia a Sarzana. Il Medioevo e l’epoca moderna ci hanno lasciato numerosi luoghi di devozione e culto, come santuari, monasteri, chiese ed edifici religiosi, in cui non è difficile trovare esempi degli stili che hanno caratterizzato l’architettura europea. Ma un po’ ovunque, principati, feudatari e signori locali hanno costruito fortificazioni, castelli, torri e fortezze, di cui è ancora possibile scoprire ruderi nell’entroterra. Non sono neppure insolite importanti infrastrutture pubbliche come gli acquedotti.

Rapallo
Architetture/Castelli e fortificazioni
Castello del XIV- XV secolo, situato sulla sommità del Monte Pegge, posto a controllo delle vie di collegamento tra Rapallo e la Val Fontanabuona.
Icona
Arnasco
Architetture/Castelli e fortificazioni
Resti del castello dei Cazzulini di XIV secolo
icona
Genova
Architetture/Castelli e fortificazioni
Porta dei Vacca o di Santa Fede è una delle due porte di città superstiti della cerchia muraria del XII secolo ed è situata al termine del "burgus" extraurbano, presso l'attuale via delle Fontane
icona
Cogoleto
Architetture/Edifici religiosi
La Parrocchiale di Santa Maria è stata edificata sull'area occupata dalla chiesa cinquecentesca demolita nel 1877 per problemi di stabilità. Nell'interno sono conservate alcune tele di tema religioso e una statua lignea attribuita al Maragliano
icona
Albenga
Architetture/Edifici religiosi
Monumento principale di Albenga e di tutta la Liguria paleocristiana è il Battistero, intatto nelle strutture originali del V secolo. All'interno si trova la vasca battesimale del V secolo e altre più tarde. Di grande interesse anche il mosaico del V secolo con temi teologici
icona
Ameglia
Architetture/Castelli e fortificazioni
Il castrum è segnalato nel più antico documento conosciuto che cita la localita spezzina, del X secolo
icona
Arenzano
Architetture/Edifici religiosi
Sulla collina chiamata localmente "Bicocca" s'innalza il Santuario delle Olivette, edificio religioso risalente alla metà del 1600 e dedicato alla Vergine: a lei venivano rivolte le preghiere dei naviganti come testimoniano i numerosi ex-voto in esso contenuti. La festa, tradizionalmente molto sentita, era un tempo considerata la festa dei fidanzati
icona
Tiglieto
Architetture/Edifici religiosi
La badia, datata 1120, rappresenta la più antica fondazione cistercense in Italia. Come in altri luoghi, la presenza dei monaci ha dato un notevole impulso alle attività agricole e artigianali nella zona. La Chiesa di Santa Maria e Santa Croce ed il convento subiscono diverse vicende che ne modificano l'aspetto architettonico. A partire dalla metà del XV secolo, soppresso il convento, passano di mano in mano alle nobili famiglie genovesi fino a divenire proprietà dei Marchesi Raggi.
icona
Pontinvrea
Architetture/Castelli e fortificazioni
Fatto costruire da Delfino del Bosco all'inizio del XIII secolo, Castel Delfino sorge su un'altura in posizione di controllo della direttrice stradale di fondovalle che dal colle del Giovo porta in Piemonte. Si tratta di un esempio caratteristico dell'architettura castellana signorile del Bassomedioevo in cui state effettuate anche mirate ricerche archeologiche
icona
Chiusavecchia
Architetture/Edifici religiosi
Il santuario di origine tardomedievale è stato più volte ristrutturato nel corso dei secoli. La cappella originaria viene eretta tra il XIII e il XIV secolo.Il santuario viene rinnovato una prima volta verso metà del XVI secolo. Al XVIII secolo risalgono la sacrestia e l'altare maggiore in marmo, opera di Giovanni Battista Casabella. Tra la prima e seconda metà del XIX secolo il santuario viene quasi totalmente ricostruito a tre navate e ristrutturato in stile neoclassico. Noto per l'elegante campanile barocco, conserva il prezioso organo del maestro N. Agati (1861) e la decorazione del Piccardo detto "il Veneziano" (1854)
icona