vai al contenuto vai al footer

Architetture

I segni che, nel tempo, l’uomo ha lasciato sul territorio sono ben presenti in Liguria, da Ventimiglia a Sarzana. Il Medioevo e l’epoca moderna ci hanno lasciato numerosi luoghi di devozione e culto, come santuari, monasteri, chiese ed edifici religiosi, in cui non è difficile trovare esempi degli stili che hanno caratterizzato l’architettura europea. Ma un po’ ovunque, principati, feudatari e signori locali hanno costruito fortificazioni, castelli, torri e fortezze, di cui è ancora possibile scoprire ruderi nell’entroterra. Non sono neppure insolite importanti infrastrutture pubbliche come gli acquedotti.

Baiardo
Architetture/Edifici religiosi
La tradizione fa risalire il santuario al XV secolo: lo avrebbero innalzato i Doria di Dolceacqua, aiutati dal Cielo in una delle loro numerose imprese militari. La radicale ricostruzione del complesso avvenne nel corso del XVIII secolo
icona
Balestrino
Architetture/Castelli e fortificazioni
Nel XVI secolo e su iniziativa di Pirro II del Carretto ha avuto inizio la costruzione del castello di Balestrino che aveva soprattutto funzioni residenziali. Alcune fonti ricordano come il castello sarebbe stato dotato di un ponte levatoio ora scomparso ma ancora documentato dalla attuale "via del Ponte"
icona
Savignone
Architetture/Edifici religiosi
La chiesa di San Bartolomeo sorge a poca distanza dalla strada principale che collega Busalla con Casella. Nota sino dal XII secolo, la piccola chiesa conserva alcune tele di valore tra le quali spicca la pala di Sant'Agostino ed altri Santi di Luca Cambiaso
icona
Santo Stefano di Magra
Architetture/Edifici religiosi
La chiesa di Santo Stefano Protomartire venne costruita nel XV secolo su una pieve protoromanica preesistente. Un rifacimento settecentesco le conferisce l'aspetto attuale
icona
Genova
Architetture/Ville e palazzi
Il palazzo, costruito per Tobia Pallavicino nel XVI secolo, è l'attuale sede della Camera di Commercio di Genova
icona
Cervo
Architetture/Edifici religiosi
La chiesa di San Giovanni Battista, detta "dei corallini" perché costruita con le offerte dei pescatori di corallo (attività scomparsa dopo la tempesta del 1720), è una grandiosa testimonianza di barocco ligure realizzata nel corso del XVIII secolo dall'architetto imperiese Giambattista Marvaldi e portata a termine da suo figlio. L'interno è ricco di opere importanti, tra cui un crocifisso ligneo del Maragliano
icona
Pietra Ligure
Architetture/Edifici religiosi
Situato nella caratteristica Piazza Vecchia, una volta Piazza del Mercato, era originariamente l'antica chiesa parrocchiale, intitolata al Santo Patrono della cittadina, Nicolà di Bari. Attualmente è sede di un auditorium
Icona
Ne
Architetture/Architetture civili
In Val Graveglia rimangono molte testimonianze di architettura rurale e di vita contadina: verso il Monte Zatta e il Monte Chiappozzo si arriva in un'area ricca di casoni, edifici in pietra, ricoperti da ciappe in ardesia, usati dai contadini dell'alta Valle per il pascolo.
Icona
Airole
Architetture/Edifici religiosi
II santuario viene edificato nel 1801 su un poggio poco distante dal paese: vi è custodita una statua lignea della Madonna e una tela del XVII secolo, attribuita ad un pittore della famiglia Carrega. I lavori di ampliamento vengono ultimati nel 1899 e nel 1933 viene completata la facciata.
icona
Genova
Architetture/Architetture civili
Il ponte di Carignano, costruito entro il secondo quarto del XVIII secolo, raccorda i due colli di Castello e Carignano, unendo la basilica di Santa Maria Assunta alla citta.
Icona