vai al contenuto vai al footer

Architetture

I segni che, nel tempo, l’uomo ha lasciato sul territorio sono ben presenti in Liguria, da Ventimiglia a Sarzana. Il Medioevo e l’epoca moderna ci hanno lasciato numerosi luoghi di devozione e culto, come santuari, monasteri, chiese ed edifici religiosi, in cui non è difficile trovare esempi degli stili che hanno caratterizzato l’architettura europea. Ma un po’ ovunque, principati, feudatari e signori locali hanno costruito fortificazioni, castelli, torri e fortezze, di cui è ancora possibile scoprire ruderi nell’entroterra. Non sono neppure insolite importanti infrastrutture pubbliche come gli acquedotti.

Genova
Architetture/Ville e palazzi
Le sale della prestigiosa residenza signorile di primo Novecento ospitano oggi le collezioni lasciate al Comune di Genova dalla famiglia Luxoro: dipinti, disegni, mobili, orologi antichi, ceramiche, argenti, specchiere, cornici intalgiate, tessuti antichi, e statuine da presepio del XVII e XVIII secolo; oltre una pregevole serie di ritratti di scuola genovese del XVIII secolo
Icona
Alassio
Architetture/Ville e palazzi
Oggi sede della Pinacoteca Levi, risale al 1600. Il portale in marmo e il nobile scalone (che dà accesso alla pinacoteca) sono un pregevole esempio di architettura ligure barocca
Icona
Genova
Architetture/Ville e palazzi
Dal 1892 il palazzo, costruito nella prima metà del XVI secolo per Luca Grimaldi, è sede di una ricca pinacoteca aperta al pubblico, con un allestimento museografico ispirato a principi didattici della fruizione delle opere d'arte conservate
icona
Imperia
Architetture/Ville e palazzi
Situata tra Porto Maurizio e Oneglia, circondata da un ampio parco di oltre 5.000 mq che si affaccia sul nuovo porto di Imperia, la Villa a due piani in stile rinascimentale ospita i principali eventi artistici della città. Edificato negli anni '40 del XX secolo dall'industriale Umberto Faravelli, l’edificio è stato oggetto di accurati lavori di restauro all’inizio di questo secolo.
Icona
Sanremo
Architetture/Ville e palazzi
La costruzione del palazzo risale al XV secolo. Nell'edificio ha sede il Museo Civico di Sanremo, diviso in tre sezioni: una archeologica, una artistica (dipinti e incisioni) ed una storica (cimeli garibaldini)
icona
Genova
Architetture/Ville e palazzi
La sede del CMBA è la Villetta Serra: essa è sede storica ben conosciuta dai genovesi e rappresentata in tutte le vedute cittadine in cui compare l'Acquasola
Icona
Lavagna
Architetture/Ville e palazzi
Una bella città rivierasca, una villa, ambienti ricostruiti, dipinti, arredi: ecco gli ingredienti della casa museo gestita dal Fai - Fondo Ambiente Italiano, che offre ai visitatori l'illusione di un viaggio nel tempo, nella vita quotidiana di una famiglia borghese negli anni a cavallo tra XIX e XX secolo. Una curiosità: le marionette in legno scolpite da Emanuele Carbone
icona
Sanremo
Architetture/Ville e palazzi
Era il 1875 quando l'imprenditore svizzero Michel Louis Ormond, a capo di una manifattura di sigari a Vevey, nonché uomo politico amante e cultore della storia e delle arti, divenne proprietario di Villa Rambaldi, al centro di una vasta tenuta nella zona orientale di Sanremo. Oggi un'ala ospita l'Istituto Internazionale di Diritto Umanitario, mentre la parte restante è utilizzata come sede espositiva
icona
Imperia
Architetture/Ville e palazzi
Situato nel centro di Borgo Marina, lo stabilimento balneare detto la Spiaggia d'oro, oggi più noto come Palazzina liberty, è stato edificato nel 1912 su progetto dell’architetto Alfredo Campanini ed esprime le delicate suggestioni del gusto liberty influenzato dall’Art Nouveau. Organizzato su due livelli sovrapposti attorno a un grande corpo centrale, è ora destinato ad ospitare mostre ed eventi culturali.
Icona
Albissola Marina
Architetture/Ville e palazzi
I due edifici alla foce del torrente Sansobbia che ospitano la Casa Museo, in realtà contenevano e contengono anche l'abitazione, che però non fa oggi parte del percorso museale. Sono due palazzine razionaliste di notevole qualità formale, progettate da Nicolaj Diulgheroff nel 1929
Icona