vai al contenuto vai al footer

Architetture

I segni che, nel tempo, l’uomo ha lasciato sul territorio sono ben presenti in Liguria, da Ventimiglia a Sarzana. Il Medioevo e l’epoca moderna ci hanno lasciato numerosi luoghi di devozione e culto, come santuari, monasteri, chiese ed edifici religiosi, in cui non è difficile trovare esempi degli stili che hanno caratterizzato l’architettura europea. Ma un po’ ovunque, principati, feudatari e signori locali hanno costruito fortificazioni, castelli, torri e fortezze, di cui è ancora possibile scoprire ruderi nell’entroterra. Non sono neppure insolite importanti infrastrutture pubbliche come gli acquedotti.

Savona
Architetture/Castelli e fortificazioni
Nel borgo di Lavagnola, al di la del torrente Letimbro, su una lieve altura, sorge il castello imperiale, risalente alla seconda metà del XVI secolo
icona
Castelvecchio di Rocca Barbena
Architetture/Edifici religiosi
Il santuario risale al XVII secolo ed è stato costruito sul precedente oratorio, dedicato a San Sebastiano, come ex voto alla Madonna delle Grazie, in seguito allo scampato pericolo della pestilenza. Dal colle si ha una vista panoramica sulla zona
icona
Albenga
Architetture/Edifici religiosi
La cattedrale di San Michele è sorta su un edificio paleocristiano del IV-V secolo d.C. ed ha subito nel tempo diversi interventi che hanno profondamente modificato la sua struttura originaria. Sono almeno due le fasi successive all'edificio paleocristiano: quella medievale e quella cinquecentesca che hanno arricchito la Cattedrale, oltre che di elementi architettonici rispondenti alle tendenze del periodo, anche numerose opere d'arte di artisti prevalentemente liguri
Icona
Savona
Architetture/Castelli e fortificazioni
Costruita nella prima meta del XII secolo con basamento ad arcate aperte, accanto al Palazzo degli Anziani, nell'area antistante il porto di Savona. All'interno della torre e del Palazzo degli Anziani è conservata una raccolta di reperti provenienti da edifici medievali e postmedievali distrutti. Di origine medievale sono inoltre le torri Corsi e Guarnieri
Icona
Finale Ligure
Architetture/Edifici religiosi
La parrocchiale di San Biagio è stata completamente ricostruita nel secolo XVII sulla precedente chiesa trecentesca. Il campanile ottagonale che si erge da un bastione delle mura di cinta del borgo è invece di fattura quattrocentesca. Su di esso sono inseriti dei bacini ceramici del secolo XV. All'interno della chiesa, tra le opere di valore si segnalano il polittico di Santa Caterina (secolo XVI) attribuito ad Oddone Pascale da Savigliano e il pulpito settecentesco rappresentante la visione di Ezechiele con i simboli dei quattro evangelisti
icona
Villanova d'Albenga
Architetture/Edifici religiosi
Chiesa parrocchiale costruita nel XII secolo e ampliata nel XV secolo
icona
Urbe
Architetture/Edifici religiosi
Parrocchia dal 1683, la Chiesa dedicata a San Pietro ingloba, nella parte absidale, la primitiva cappella. L'edificio ha un'unica navata e conserva al suo interno un prezioso organo e un grande crocifisso ligneo
Icona
Sassello
Architetture/Edifici religiosi
Antica parrocchiale di tutto il comprensorio della foresta demaniale della Deiva, che arrivava sino a Tiglieto, la Chiesa di San Giovanni Battista è legata a diverse leggende sulla sua fondazione che si fa risalire alle origini del cristianesimo. Nelle forme attuali l'edificio risale alla fine del XIX secolo
icona
Stella
Architetture/Edifici religiosi
La chiesa della Madonna del Salto, costruita nel XIX secolo in stile neoclassico, si trova lungo la stretta valle, sull'orlo della roccia, in prossimità di un incrocio. La presenza dell'edificio di culto è dovuto alla tradizione del culto della Vergine del Salto, che, intorno al 1750, aveva soccorso un cavaliere diretto da Albisola a Sassello, precipitato nel vuoto
Icona
Savona
Architetture/Edifici religiosi
A pochi chilometri da Savona, lungo il torrente Letimbro, sorge il Santuario della Madonna della Misericordia, costruito nella prima metà del Cinquecento, in seguito all'apparizione mariana ad un abitante del posto nel 1536
icona