vai al contenuto vai al footer

Architetture

I segni che, nel tempo, l’uomo ha lasciato sul territorio sono ben presenti in Liguria, da Ventimiglia a Sarzana. Il Medioevo e l’epoca moderna ci hanno lasciato numerosi luoghi di devozione e culto, come santuari, monasteri, chiese ed edifici religiosi, in cui non è difficile trovare esempi degli stili che hanno caratterizzato l’architettura europea. Ma un po’ ovunque, principati, feudatari e signori locali hanno costruito fortificazioni, castelli, torri e fortezze, di cui è ancora possibile scoprire ruderi nell’entroterra. Non sono neppure insolite importanti infrastrutture pubbliche come gli acquedotti.

Monterosso al Mare
Architetture/Edifici religiosi
Affacciata sul mare con alle spalle le rovine del castello sorge la semplice costruzione secentesca del convento dei Cappuccini
icona
Monterosso al Mare
Architetture/Edifici religiosi
La chiesa, edificata tra il XIII e XIV secolo, viene ristrutturata in periodo barocco. Parte delle originarie strutture medievali vengono in seguito ripristinate coi restauri del 1963-1964, cancellando le aggiunte seicentesche. All'interno sono custoditi un pregevole fonte battesimale datato 1360, una tela della scuola di Luca Cambiaso e una Crocifissione del XVII secolo
icona
Monterosso al Mare
Architetture/Edifici religiosi
Alle spalle di Monterosso si trovano i resti della chiesa romanica dedicata a Santa Maria Maddalena
Icona
Monterosso al Mare
Architetture/Edifici religiosi
Le origini del Santuario sono leggendarie e risalgono al tempo dell'invasione longobarda di Rotari, nel VII secolo: gli antichi fondatori di Monterosso provengono da Albereto in Val di Vara e fondano il santuario di Soviore, compreso nella via dei Santuari delle Cinque Terre. La chiesa viene modificata nel XIV secolo e completamente ristrutturata tra il XVIII e XIX secolo. Nuovi lavori di restauro ed ampliamento del complesso si sono svolti in occasione del giubileo del 2000
icona
Monterosso al Mare
Architetture/Castelli e fortificazioni
Le opere difensive volute dai Genovesi, mura e torri, sono visibili percorrendo le vie del paese, mentre scarse sono le tracce del più antico Castrum dove oggi sorge il cimitero
icona