vai al contenuto vai al footer

Architetture

I segni che, nel tempo, l’uomo ha lasciato sul territorio sono ben presenti in Liguria, da Ventimiglia a Sarzana. Il Medioevo e l’epoca moderna ci hanno lasciato numerosi luoghi di devozione e culto, come santuari, monasteri, chiese ed edifici religiosi, in cui non è difficile trovare esempi degli stili che hanno caratterizzato l’architettura europea. Ma un po’ ovunque, principati, feudatari e signori locali hanno costruito fortificazioni, castelli, torri e fortezze, di cui è ancora possibile scoprire ruderi nell’entroterra. Non sono neppure insolite importanti infrastrutture pubbliche come gli acquedotti.

Genova
Architetture/Edifici religiosi
L'attuale complesso religioso, costruito sui resti della chiesa primitiva, risale al IX secolo. L'edificio viene sottoposto nel corso dei secoli a successive ricostruzioni, aggiunte, trasformazioni e consolidamenti strutturali (XI-XII secolo; prima metà del Duecento, XVI; fine Ottocento). L'ultimo restauro si è svolto in occasione del Giubileo del 2000. La chiesa conserva numerose opere d'arte di rinomati artisti, quali Carlone, Castello, Cambiaso, De Ferrari, Civitali, Sansovino
icona
Cogorno
Architetture/Edifici religiosi
La basilica viene edificata nella seconda metà del Duecento per volere di papa Innocenzo IV, della famiglia dei Fieschi
icona
Genova
Architetture/Castelli e fortificazioni
Principale porta d'accesso nel Medioevo alla città sulla sommità del Piano di Sant'Andrea, in prossimità del quartiere di Ravecca. Porta Soprana venne costruita nel 1155 ad opera probabilmente dei magistri antelami, che realizzarono anche Porta dei Vacca. Il varco in pietra ad un fornice, inserito tra due torrioni a pianta semicircolare all'esterno e prospetto rettilineo verso la città, ricalca la soluzione adottata per Porta dei Vacca
icona
Genova
Architetture/Ville e palazzi
Ubicato tra la cattedrale di San Lorenzo e piazza De Ferrari, Palazzo Ducale è l'esempio genovese più significativo di quella commistione tra elementi medievali, cinquecenteschi, neoclassici e neomedievalisti che il restauro del 1992 ha contribuito a mantenere attraverso precise scelte progettuali
Icona
Camogli
Architetture/Edifici religiosi
Monastero benedettino, covo dei pirati, umile abitazione di pescatori e poi per secoli proprietà dei principi Doria, l'Abbazia di S. Fruttuoso è oggi un luogo assolutamente unico, dove l'opera dell'uomo si è felicemente integrata con quella della natura
icona
Rossiglione
Architetture/Edifici religiosi
Dedicata al culto del Santo protettore degli appestati, l'oratorio di San Sebastiano conserva un'interessante statua lignea settecentesca e paramenti processionali
icona
Casella
Architetture/Architetture civili
L'edificio che chiude sul lato corto piazza XXV aprile fa parte del complesso architettonico fatto realizzare dai Fieschi nel XVI secolo per il controllo delle attività commerciali della zona: alcuni documenti storici attestano che era adibito a macello del feudo di Savignone. I recenti restauri hanno i riportato alla luce tre grandi meridiane dipinte in epoche diverse sulla facciata dell'edificio
icona
Isola del Cantone
Architetture/Castelli e fortificazioni
Il castello, che risale probabilmente al XIII secolo, ha subito molte trasformazioni nel corso dei secoli e risulta ora inglobato in costruzioni più recenti: l'unico settore rimasto praticamente immutato rispetto alla struttura del XVII secolo è l'imponente torre a picco sul torrente
Icona
Savignone
Architetture/Edifici religiosi
La leggenda fa risalire la fondazione del cenobio al passaggio del Re Liutprando nel 725 in viaggio per Pavia. Del Convento benedettino intitolato a San Salvatore nel XIII secolo e ancora integro nel Settecento, resta visibile l'impianto architettonico seppure modificato per adattarlo ad uso privato
Icona
Genova
Architetture/Castelli e fortificazioni
Del forte ottocentesco non rimangono che alcune tracce nascoste tra l'erba del prato.
Icona