vai al contenuto vai al footer

Architetture

I segni che, nel tempo, l’uomo ha lasciato sul territorio sono ben presenti in Liguria, da Ventimiglia a Sarzana. Il Medioevo e l’epoca moderna ci hanno lasciato numerosi luoghi di devozione e culto, come santuari, monasteri, chiese ed edifici religiosi, in cui non è difficile trovare esempi degli stili che hanno caratterizzato l’architettura europea. Ma un po’ ovunque, principati, feudatari e signori locali hanno costruito fortificazioni, castelli, torri e fortezze, di cui è ancora possibile scoprire ruderi nell’entroterra. Non sono neppure insolite importanti infrastrutture pubbliche come gli acquedotti.

Savona
Architetture/Edifici religiosi
Su uno slargo creato dall'apertura, intorno al 1870, di via Paleocapa, si affaccia il secentesco oratorio del Cristo Risorto. Qui si trovava la chiesa agostiniana della SS. Annunziata. Degne di nota sono le tre casse processionali rispettivamente di Anton Maria Maragliano, Filippo Martinengo e Antonio Brilla
icona
Genova
Architetture/Edifici religiosi
Il nuovo Oratorio di Sant'Ambrogio sorge nei fondi di un grande palazzo di via Buffa ed ha il suo ingresso dai Giardini Giuseppe Piccardo.
La sua costruzione è iniziata nel 1959 ed è stato consacrato al termne dei lavori dal Cardinale Giuseppe Siri il 24 dicembre 1961.
All'interno conserva le opere superstiti provenienti dall'oratorio distrutto nei bombardamenti della seconda guerra mondiale: le due casse processionali, tre crocifissi processionali e un gonfalone
icona
Riomaggiore
Architetture/Edifici religiosi
Il santuario, fino al XIV secolo parrocchiale di Riomaggiore, sorge in cima al Montenero che si erge maestoso alle spalle del paese. La tradizione racconta che il dipinto, sotterrato per salvarlo dal saccheggio dei barbari di Rotari, viene ritrovato intatto cento anni dopo. L'edificio subisce nel tempo varie modifiche e restauri: nel 1740 il complesso viene rimaneggiato e nel 1847 completamente ristrutturato. La chiesa attuale è a tre navate con portico ed ampio piazzale circostante
icona
Camporosso
Architetture/Ville e palazzi
Residenza dei Marchesi Doria dal XVII secolo. Conserva "U carabinè"
icona
Genova
Architetture/Edifici religiosi
La chiesa dedicata ai Santi Nicolò ed Erasmo è stata edificata nel XVII secolo per accogliere la popolazione di Voltri in continua crescita. Il protrarsi dei lavori per lungo tempo ha fatto sì che nella chiesa si possono osservare elementi architettonici dei vari periodi
icona
Varese Ligure
Architetture/Edifici religiosi
Fondato dalla varesina Brigida Caranza, il convento di San Filippo Neri e Santa Teresa d'Avila viene elevato a Monastero di clausura nel 1652, mentre nel 1676 viene consacrata la chiesa a pianta centrale. Questa conserva inoltre una raffigurazione secentesca di Gregorio de Ferrari, un gruppo ligneo settecentesco della Madonna di Caravaggio e un ciborio in marmo della metà del XV secolo
icona
Triora
Architetture/Edifici religiosi
La chiesa collegiata dedicata all'Assunta, di origine medievale e rimaneggiata nel XVIII-XIX secolo, conserva alcune tele attribuite al Cambiaso
icona
Villanova d'Albenga
Architetture/Edifici religiosi
Raro esempio di edificio rinascimentale a pianta centrale, datato al 1520
Icona
Genova
Architetture/Edifici religiosi
Il Santuario di Nostra Signora di Loreto sorge presso il colle di Oregina, nel territorio compreso tra le mura cinquecentesche e quelle del XVII secolo, in posizione dominante sull'arco portuale ed in asse con il soprastante forte Sperone. La costruzione attorno alla preesistente cappella del 1635 risale al 1650-55, mentre l'attuale fisionomia si raggiunge soltanto con gli interventi settecenteschi che porteranno al completamento della facciata, della cupola e del sagrato antistante il Santuario
icona
Pontedassio
Architetture/Edifici religiosi
Oratorio di origine quattrocentesca, restaurato nel 1600 e nel 1800, conserva all'interno gli affreschi novecenteschi di Mariano Muratorio
Icona