vai al contenuto vai al footer

Palazzo di Via Vegerio

Tipologia: Architetture/Architetture civili
Via Vegerio - 17100 (SV)
Cariatidi in cemento Cariatidi in cemento
Ercole, cariatide centrale, (1930) Ercole, cariatide centrale, (1930)
Scaricatore, cariatide laterale, (1930) Scaricatore, cariatide laterale, (1930)

Cariatidi in cemento

Ercole, cariatide centrale, (1930)    

Scaricatore, cariatide laterale, (1930)  

La facciata dell’edificio prospiciente Via Vegerio è animata, al livello del primo piano nobile, da due gruppi di tre cariatidi, realizzate in cemento che sorreggono i bovindi, in forma di erme nascenti da volute ornamentali; quella centrale richiama il soggetto mitologico del corpo atletico dell’eroe, sul cui capo si scorge la pelle con la testa del leone nemeo; le due laterali richiamano, nell’attento studio anatomico, soggetti ripresi dal vero, nelle due muscolose figure di scaricatori del porto, con il capo incappucciato da una grezza tela di sacco e le braccia contratte nella fatica del lavoro.

I gessi delle due cariatidi sono conservati nel deposito del Museo Pertini - Cuneo.

Disegni di studio per telamoni, di ispirazione michelangiolesca, si trovano nei depositi di Palazzo Gavotti.

Palazzo di Via Vegerio
Tipologia: Architetture/Architetture civili
Via Vegerio 17100 (SV)

Cariatidi in cemento

Ercole, cariatide centrale, (1930)    

Scaricatore, cariatide laterale, (1930)  

La facciata dell’edificio prospiciente Via Vegerio è animata, al livello del primo piano nobile, da due gruppi di tre cariatidi, realizzate in cemento che sorreggono i bovindi, in forma di erme nascenti da volute ornamentali; quella centrale richiama il soggetto mitologico del corpo atletico dell’eroe, sul cui capo si scorge la pelle con la testa del leone nemeo; le due laterali richiamano, nell’attento studio anatomico, soggetti ripresi dal vero, nelle due muscolose figure di scaricatori del porto, con il capo incappucciato da una grezza tela di sacco e le braccia contratte nella fatica del lavoro.

I gessi delle due cariatidi sono conservati nel deposito del Museo Pertini - Cuneo.

Disegni di studio per telamoni, di ispirazione michelangiolesca, si trovano nei depositi di Palazzo Gavotti.