vai al contenuto vai al footer

DIPENDENZE DI PALAZZO ROSSO

Tipologia: Architetture/Ville e palazzi
VIA AI 4 CANTI DI S.FRANCESCO 49-51 - 16124 Genova (GE)
Telefono: 010/5574958
Fax: 010/5574970

Nella straordinaria cornice di vai garibaldi, la magnifica Strada Nuova rinascimentale e barocca, dichiarata Patrimonio dell'Umanità UNESCO, ha sede Palazzo Rosso, nobile dimora ornata da affreschi dei maggiori pittori del Seicento ligure e da preziosi arredi. In esso si trova esposta una ricca quasreria che comprende dipinti raccolti nell'arco di più di due secoli dalla nobile famiglia Brignole-Sale. Il Centro di Documentazione ha sede nelle cosiddette Dipendenze di Palazzo Rosso, al quale vennero accorpate per poter ingrandire i suoi due appartamenti residenziali. Il mantenimento delle abitazioni precedenti (quale supporto alle ristrutturazioni) ha consentito di conservare un atrio voltato cinque-seicentesco, pavimentato in mattoni a spina di pesce e con una colonna caposcala in marmo, e un salone (ora sala di lettura della biblioteca) sormontato da un soffitto ligneo a cassettoni della seconda metà del XV secolo.

DIPENDENZE DI PALAZZO ROSSO
Tipologia: Architetture/Ville e palazzi
VIA AI 4 CANTI DI S.FRANCESCO 49-51 16124 Genova (GE)
Telefono: 010/5574958
Fax: 010/5574970

Nella straordinaria cornice di vai garibaldi, la magnifica Strada Nuova rinascimentale e barocca, dichiarata Patrimonio dell'Umanità UNESCO, ha sede Palazzo Rosso, nobile dimora ornata da affreschi dei maggiori pittori del Seicento ligure e da preziosi arredi. In esso si trova esposta una ricca quasreria che comprende dipinti raccolti nell'arco di più di due secoli dalla nobile famiglia Brignole-Sale. Il Centro di Documentazione ha sede nelle cosiddette Dipendenze di Palazzo Rosso, al quale vennero accorpate per poter ingrandire i suoi due appartamenti residenziali. Il mantenimento delle abitazioni precedenti (quale supporto alle ristrutturazioni) ha consentito di conservare un atrio voltato cinque-seicentesco, pavimentato in mattoni a spina di pesce e con una colonna caposcala in marmo, e un salone (ora sala di lettura della biblioteca) sormontato da un soffitto ligneo a cassettoni della seconda metà del XV secolo.