vai al contenuto vai al footer

Villa Scarzella

Tipologia: Architetture/Ville e palazzi
VIA E. DEL CARRETTO 29 - 17017 Millesimo (SV)
Telefono: 019/564007
Fax: 019/564368

Villa Scarzella. Fu edificata nel 1855 da Giuseppe Scarzella, che quattro anni prima aveva acquistato un lotto di terreno con ruderi di un castello per costruirvi una residenza estiva. La villa, circondata da un magnifico giardino, venne ampliata dal figlio ingegner Alberto, sindaco di Millesimo dal 1888 al 1913. Acquistata dall'Amministrazione comunale nel 1989, è ora sede del Museo Napoleonico e del Centro visitatori del Bric Tana e della Valle dei Tre Re.

Luoghi d'arte collegati

MUSEO NAPOLEONICO
Il museo Napoleonico consta di una ricca e significativa raccolta di stampe, carte geografiche, manifesti e bandi relativi alla vittoriosa Campagna d'Italia di Napoleone. La raccolta costituisce una preziosa testimonianza delle vicende che presero le mosse proprio dall'entroterra savonese. Interessanti anche i reperti, militari e civili, rinvenuti sui luoghi dei combattimenti e i plastici con le ricostruzioni di alcuni scontri sui campi di battaglia.
Villa Scarzella
Tipologia: Architetture/Ville e palazzi
VIA E. DEL CARRETTO 29 17017 Millesimo (SV)
Telefono: 019/564007
Fax: 019/564368

Villa Scarzella. Fu edificata nel 1855 da Giuseppe Scarzella, che quattro anni prima aveva acquistato un lotto di terreno con ruderi di un castello per costruirvi una residenza estiva. La villa, circondata da un magnifico giardino, venne ampliata dal figlio ingegner Alberto, sindaco di Millesimo dal 1888 al 1913. Acquistata dall'Amministrazione comunale nel 1989, è ora sede del Museo Napoleonico e del Centro visitatori del Bric Tana e della Valle dei Tre Re.

Luoghi d'arte collegati

MUSEO NAPOLEONICO
Il museo Napoleonico consta di una ricca e significativa raccolta di stampe, carte geografiche, manifesti e bandi relativi alla vittoriosa <strong>Campagna d'Italia di Napoleone</strong>. La raccolta costituisce una preziosa testimonianza delle vicende che presero le mosse proprio dall'entroterra savonese. Interessanti anche i reperti, militari e civili, rinvenuti sui luoghi dei combattimenti e i plastici con le ricostruzioni di alcuni scontri sui campi di battaglia.