vai al contenuto vai al footer

Castello e torre di avvistamento tardo medievale

Tipologia: Architetture/Castelli e fortificazioni
- Portofino

Inserita nel perimetro del cimitero di San Michele di Pagana, sulla scogliera che si protende nel mare alle spalle della chiesa parrocchiale, si erge una torre quadrilatera di modeste proporzioni.

Le motivazioni della realizzazione della torre e le sue funzioni sono documentate in una relazione fatta al Senato genovese, che aveva inviato sul posto un tecnico: "...accio si potesse dare opportuno rimedio ad ovviare che le fuste e altri vascelli de infedeli non potessero mettere scala in terra in detto loco... era di necessità si facesse una torre sopra il Capo dello Giexa di detta capella di Santo Michaelo propinquo alla marina quale fortezza saria guardia non solamente alli abitanti in detta capella, ma anche a conservazione del borgo di Rapallo e di Santa Margherita" .

I lavori venivano avviati nella località detta anche Capo del Prete, mentre anche a Zoagli una torre veniva eretta sul piccolo promontorio ove oggi si trova la Villa Canevaro. La Torre di San Michele ha assolto per molti anni alla sua funzione, e a essa inoltre è stato affiancato dal 1625 il castello, realizzato su un altro promontorio nella proprietà della famiglia Orero, di assai maggiore rilievo.

Al lento, inarrestabile degrado ha posto provvidenziale rimedio l'acquisizione del forte da parte del Fondo per l'Ambiente Italiano che, negli anni Ottanta, ha proceduto al recupero conservativo di questa struttura.

Castello e torre di avvistamento tardo medievale
Tipologia: Architetture/Castelli e fortificazioni
Portofino

Inserita nel perimetro del cimitero di San Michele di Pagana, sulla scogliera che si protende nel mare alle spalle della chiesa parrocchiale, si erge una torre quadrilatera di modeste proporzioni.

Le motivazioni della realizzazione della torre e le sue funzioni sono documentate in una relazione fatta al Senato genovese, che aveva inviato sul posto un tecnico: "...accio si potesse dare opportuno rimedio ad ovviare che le fuste e altri vascelli de infedeli non potessero mettere scala in terra in detto loco... era di necessità si facesse una torre sopra il Capo dello Giexa di detta capella di Santo Michaelo propinquo alla marina quale fortezza saria guardia non solamente alli abitanti in detta capella, ma anche a conservazione del borgo di Rapallo e di Santa Margherita" .

I lavori venivano avviati nella località detta anche Capo del Prete, mentre anche a Zoagli una torre veniva eretta sul piccolo promontorio ove oggi si trova la Villa Canevaro. La Torre di San Michele ha assolto per molti anni alla sua funzione, e a essa inoltre è stato affiancato dal 1625 il castello, realizzato su un altro promontorio nella proprietà della famiglia Orero, di assai maggiore rilievo.

Al lento, inarrestabile degrado ha posto provvidenziale rimedio l'acquisizione del forte da parte del Fondo per l'Ambiente Italiano che, negli anni Ottanta, ha proceduto al recupero conservativo di questa struttura.