vai al contenuto vai al footer

Oratori

Tipologia: Architetture/Edifici religiosi
- Campo Ligure
L'oratorio dell'Assunta L'oratorio dell'Assunta
L'oratorio dei santi Rocco e Sebastiano L'oratorio dei santi Rocco e Sebastiano
L'oratorio dei santi Rocco e Sebastiano L'oratorio dei santi Rocco e Sebastiano
Oratorio dei santi Rocco e Sebastiano, interno Oratorio dei santi Rocco e Sebastiano, interno
Oratorio dei santi Rocco e Sebastiano, interno Oratorio dei santi Rocco e Sebastiano, interno
Oratorio dei santi Rocco e Sebastiano, interno Oratorio dei santi Rocco e Sebastiano, interno
Oratorio dei santi Rocco e Sebastiano, interno Oratorio dei santi Rocco e Sebastiano, interno

Gli oratori di Campoligure, tra i migliori esempi di barocco nella Valle Stura, rappresentano la vivacitàdel borgo nonostante i ripetuti conflitti ed il grave incendio del 1600. L'Oratorio di Nostra Signora Assunta tardo-cinquecentesco è stato distrutto proprio in tale occasione è stato ricostruito pochi anni dopo.

Detto localmente "Casazza", esso presenta una alta e severa facciata e un grandioso interno. L'affresco della volta raffigurante l'Assunta è di Luigi Gainotti (XIX sec.), la statua della Vergine sopra il maestoso altare maggiore è dello scultore napoletano Ursino de Mari (XVII sec). Nell'altare di sinistra è visibile lo scenografico gruppo della Vergine che porge il Bambino a San Gaetano di scuola genovese del '700.

L'Oratorio dei Santi Rocco e Sebastiano costruito a partire dal 1648, con facciata tardo-barocca, ricche decorazioni aggettanti e due scenografici portali laterali, all'interno ospita alcune opere meritevoli di interesse: sull'altare maggiore una tela della scuola di Domenico Piola raffigurante San Sebastiano e una statua lignea di autore genovese del Settecento. L'oratorio durante il periodo natalizio ospita un presepe meccanizzato, meta di numerosi visitatori.

Oratori
Tipologia: Architetture/Edifici religiosi
Campo Ligure

Gli oratori di Campoligure, tra i migliori esempi di barocco nella Valle Stura, rappresentano la vivacitàdel borgo nonostante i ripetuti conflitti ed il grave incendio del 1600. L'Oratorio di Nostra Signora Assunta tardo-cinquecentesco è stato distrutto proprio in tale occasione è stato ricostruito pochi anni dopo.

Detto localmente "Casazza", esso presenta una alta e severa facciata e un grandioso interno. L'affresco della volta raffigurante l'Assunta è di Luigi Gainotti (XIX sec.), la statua della Vergine sopra il maestoso altare maggiore è dello scultore napoletano Ursino de Mari (XVII sec). Nell'altare di sinistra è visibile lo scenografico gruppo della Vergine che porge il Bambino a San Gaetano di scuola genovese del '700.

L'Oratorio dei Santi Rocco e Sebastiano costruito a partire dal 1648, con facciata tardo-barocca, ricche decorazioni aggettanti e due scenografici portali laterali, all'interno ospita alcune opere meritevoli di interesse: sull'altare maggiore una tela della scuola di Domenico Piola raffigurante San Sebastiano e una statua lignea di autore genovese del Settecento. L'oratorio durante il periodo natalizio ospita un presepe meccanizzato, meta di numerosi visitatori.