vai al contenuto vai al footer

Castello

Tipologia: Architetture/Castelli e fortificazioni
- Santo Stefano d'Aveto
Il castello nella bella stagione Il castello nella bella stagione
Il castello nella bella stagione Il castello nella bella stagione
Il castello innevato Il castello innevato
Il castello innevato Il castello innevato

Il castello di Santo Stefano d'Aveto si erge nell'immediata periferia del borgo. Alcuni studiosi fanno risalire la struttura al XII secolo, e nel 1164 donato ai Malaspina con la loro investitura da parte di Federico II, mentre altri ritengono il castello costruito dai Malaspina stessi, divenuti signori della vallata.

Il castello viene successivamente venduto ai Fieschi e passa, infine, ai Doria, i quali hanno superato rivolte locali, per poi lasciarlo ai Doria Landi e, da ultimo, ai Doria Pamphili, fino al XVIII-XIX secolo quando è stato cacciato l'utimo feudatario. Con l'istituzione della Repubblica Ligure il forte diviene proprieta della nuova Repubblica e, nel 1815, del Regno di Sardegna. Del castello oggi rimane intatto nel tracciato il perimetro poligonale, dal quale si ergono ancora i ruderi delle mura e delle torri angolari.

Castello
Tipologia: Architetture/Castelli e fortificazioni
Santo Stefano d'Aveto

Il castello di Santo Stefano d'Aveto si erge nell'immediata periferia del borgo. Alcuni studiosi fanno risalire la struttura al XII secolo, e nel 1164 donato ai Malaspina con la loro investitura da parte di Federico II, mentre altri ritengono il castello costruito dai Malaspina stessi, divenuti signori della vallata.

Il castello viene successivamente venduto ai Fieschi e passa, infine, ai Doria, i quali hanno superato rivolte locali, per poi lasciarlo ai Doria Landi e, da ultimo, ai Doria Pamphili, fino al XVIII-XIX secolo quando è stato cacciato l'utimo feudatario. Con l'istituzione della Repubblica Ligure il forte diviene proprieta della nuova Repubblica e, nel 1815, del Regno di Sardegna. Del castello oggi rimane intatto nel tracciato il perimetro poligonale, dal quale si ergono ancora i ruderi delle mura e delle torri angolari.