vai al contenuto vai al footer

Chiesa di Santo Stefano Larvego

Tipologia: Architetture/Edifici religiosi
- Campomorone

La chiesa di Santo Stefano di Larvego è ritenuta di qualche secolo anteriore al mille: il documento più antico che ne parla è datato 1004. Nel 1747 l'edificio subisce gravi danni in seguito all'invasione austriaca e nel 1770, su progetto dell'architetto Angelo Giuseppe Scaniglia, si iniziano i lavori di costruzione dell'attuale chiesa. L'edificio presenta una pianta a navata unica molto alta ed ariosa.

I due altari laterali sono opera dello scultore Domenico Orsolino (1797), mentre l'altare maggiore è un dono di Marco Aurelio Campora (1641). Del decoratore Storace sono gli affreschi delle cappelle (1808) e della chiesa (1809). Nel coro è custodita l'ancona che raffigura il Martirio di Santo Stefano, attribuita a Giovanni David (1743-1790). Sei grandi statue sono dello sculture savonese Brilla (1877). Da segnalare inoltre la presenza di alcune tele ad olio tra le quali il quadro della Madonna della Salute di Francesco De Amicis.

Chiesa di Santo Stefano Larvego
Tipologia: Architetture/Edifici religiosi
Campomorone

La chiesa di Santo Stefano di Larvego è ritenuta di qualche secolo anteriore al mille: il documento più antico che ne parla è datato 1004. Nel 1747 l'edificio subisce gravi danni in seguito all'invasione austriaca e nel 1770, su progetto dell'architetto Angelo Giuseppe Scaniglia, si iniziano i lavori di costruzione dell'attuale chiesa. L'edificio presenta una pianta a navata unica molto alta ed ariosa.

I due altari laterali sono opera dello scultore Domenico Orsolino (1797), mentre l'altare maggiore è un dono di Marco Aurelio Campora (1641). Del decoratore Storace sono gli affreschi delle cappelle (1808) e della chiesa (1809). Nel coro è custodita l'ancona che raffigura il Martirio di Santo Stefano, attribuita a Giovanni David (1743-1790). Sei grandi statue sono dello sculture savonese Brilla (1877). Da segnalare inoltre la presenza di alcune tele ad olio tra le quali il quadro della Madonna della Salute di Francesco De Amicis.