vai al contenuto vai al footer

Forte Fratello Minore

Tipologia: Architetture/Castelli e fortificazioni
- Genova

La costruzione di Forte Fratello minore, situato sulla vetta del monte Spino a circa 600 metri di altezza, viene iniziata dal francese De Sicre nel 1747 circa e ultimata dal Genio militare sabaudo nel 1832. Il forte sorge sulla direttrice di itinerari che dal centro del Parco delle Mura conducono agli abitati di Begato e Geminiano. Dei Due Fratelli (Fratello Maggiore e Fratello Minore), è quello ancora integro. La sua costruzione ha subito continui cambiamenti di progetto: dopo il 1830, terminata la Torre, il Genio Militare Sabaudo aggiunge sui lati est e sud il recinto bastionato terrapienato e sposta l'ingresso a sud, al livello dell'originario primo piano, modificando la disposizione dei vani interni. Un ponte levatoio, che funzionava come quello del Forte Sperone, consentiva l'accesso all'interno della cinta. Una rampa in origine acciottolata conduce all'ingresso della Torre. Alla fine dell'Ottocento la struttura era probabilmente già abbandonata. Durante l'ultima guerra, i locali vengono adibiti agli alloggi della Guardia Batteria della contraerea al Fratello Maggiore. Sul terrapieno si intravedono ancora i resti delle postazioni di due cannoni. Le strutture interne sono attualmente in pessime condizioni.

Forte Fratello Minore
Tipologia: Architetture/Castelli e fortificazioni
Genova

La costruzione di Forte Fratello minore, situato sulla vetta del monte Spino a circa 600 metri di altezza, viene iniziata dal francese De Sicre nel 1747 circa e ultimata dal Genio militare sabaudo nel 1832. Il forte sorge sulla direttrice di itinerari che dal centro del Parco delle Mura conducono agli abitati di Begato e Geminiano. Dei Due Fratelli (Fratello Maggiore e Fratello Minore), è quello ancora integro. La sua costruzione ha subito continui cambiamenti di progetto: dopo il 1830, terminata la Torre, il Genio Militare Sabaudo aggiunge sui lati est e sud il recinto bastionato terrapienato e sposta l'ingresso a sud, al livello dell'originario primo piano, modificando la disposizione dei vani interni. Un ponte levatoio, che funzionava come quello del Forte Sperone, consentiva l'accesso all'interno della cinta. Una rampa in origine acciottolata conduce all'ingresso della Torre. Alla fine dell'Ottocento la struttura era probabilmente già abbandonata. Durante l'ultima guerra, i locali vengono adibiti agli alloggi della Guardia Batteria della contraerea al Fratello Maggiore. Sul terrapieno si intravedono ancora i resti delle postazioni di due cannoni. Le strutture interne sono attualmente in pessime condizioni.