vai al contenuto vai al footer

Cappella di San Michele di Castrofino

Tipologia: Architetture/Edifici religiosi
- Genova
La Cappella di San Michele La Cappella di San Michele

Poco sotto il crinale, in localita Favareto, sorge la Cappella di San Michele di Castrofino. La prima memoria a noi pervenuta sulla chiesa risale al 506, data ricavata dalla lapide sepolcrale conservata al proprio interno; ma probabilmente la chiesa ha un'origine ancora più remota. La lapide, la cui autenticita è stata recentemente messa in discussione, ricorda come il luogo fosse stato prescelto come sepolcro di alcuni abitanti della zona:
ANNO DVI / HIC IN SECRETARIO / BEATI ARCANGELI / MICHAELIS REQUIES / CIT BONE MEMORIE SUNDO DEIN / DE OBIT / SABATINUS / DIACUNUS FILIUS EIUS / ET POSTEA LUPOARA CONIUX ET GENETRIX EORUM / QUI PARITER IUXTA / IN SUO SEPULCRO / REQUIESCUNT VITA VIVANT CUM DOMINO SEMPER
Anno 506 / Qui nella Sacristia/ del Beato Arcangelo / Michele riposa / Sundo di Buona Memoria. / Dopo di lui morì Sabatino diacono suo Figlio / e poscia Lupara / moglie e madre / di quelli che parimente / riposano vicino / nel suo sepolcro / Vivano sempre col Signore.


Nei secoli successivi la cappella di S. Michele è passata sotto le dipendenze della chiesa di San Giovanni di Pavia, come conferma un diploma del re Berengario (909), che sancisce tale dipendenza. Non si tratta pero di un fatto isolato nel territorio ligure durante l'alto medioevo data l'importanza dei monasteri padani.

Durante l'altomedioevo San Michele è stata la parrocchia del medesimo borgo; l'autonomia della chiesa ha però una vita relativamente breve, perché nel XIV secolo viene segnalata come annessa canonicamente alla parrocchia di San Cipriano. In seguito al trasferimento delle funzioni principali nella nuova pieve di San Cipriano, inizia il declino della cappella, rifatta interamente nel XIX secolo, che rimane comunque uno dei siti storici più rilevanti presenti nel comune di Serra Ricco.

Cappella di San Michele di Castrofino
Tipologia: Architetture/Edifici religiosi
Genova

Poco sotto il crinale, in localita Favareto, sorge la Cappella di San Michele di Castrofino. La prima memoria a noi pervenuta sulla chiesa risale al 506, data ricavata dalla lapide sepolcrale conservata al proprio interno; ma probabilmente la chiesa ha un'origine ancora più remota. La lapide, la cui autenticita è stata recentemente messa in discussione, ricorda come il luogo fosse stato prescelto come sepolcro di alcuni abitanti della zona:
ANNO DVI / HIC IN SECRETARIO / BEATI ARCANGELI / MICHAELIS REQUIES / CIT BONE MEMORIE SUNDO DEIN / DE OBIT / SABATINUS / DIACUNUS FILIUS EIUS / ET POSTEA LUPOARA CONIUX ET GENETRIX EORUM / QUI PARITER IUXTA / IN SUO SEPULCRO / REQUIESCUNT VITA VIVANT CUM DOMINO SEMPER
Anno 506 / Qui nella Sacristia/ del Beato Arcangelo / Michele riposa / Sundo di Buona Memoria. / Dopo di lui morì Sabatino diacono suo Figlio / e poscia Lupara / moglie e madre / di quelli che parimente / riposano vicino / nel suo sepolcro / Vivano sempre col Signore.


Nei secoli successivi la cappella di S. Michele è passata sotto le dipendenze della chiesa di San Giovanni di Pavia, come conferma un diploma del re Berengario (909), che sancisce tale dipendenza. Non si tratta pero di un fatto isolato nel territorio ligure durante l'alto medioevo data l'importanza dei monasteri padani.

Durante l'altomedioevo San Michele è stata la parrocchia del medesimo borgo; l'autonomia della chiesa ha però una vita relativamente breve, perché nel XIV secolo viene segnalata come annessa canonicamente alla parrocchia di San Cipriano. In seguito al trasferimento delle funzioni principali nella nuova pieve di San Cipriano, inizia il declino della cappella, rifatta interamente nel XIX secolo, che rimane comunque uno dei siti storici più rilevanti presenti nel comune di Serra Ricco.