vai al contenuto vai al footer

Chiesa di San Giovanni Battista a Riomaggiore

Tipologia: Architetture/Edifici religiosi
- Riomaggiore
La chiesa La chiesa
La chiesa La chiesa
Un particolare Un particolare
Un particolare Un particolare

La chiesa di San Giovanni Battista è ubicata nella parte alta del paese: una lapide sul fianco destro della chiesa, caratterizzato da monofore e portali ogivali, ne ricorda la costruzione nel 1340 con licenza del vescovo di Luni, Antonio Fieschi. La pianta è a tre navate suddivise da colonne che sorreggono slanciati archi ogivali.

Il presbiterio è formato da una cappella maggiore racchiusa tra due cappelle laterali comunicanti tra loro: un'imponente torre nolare, sormontata da cuspide poligonale, è impostata sul vano quadrangolare presbiteriale con copertura a crociera. La parete longitudinale di sinistra è movimentata da tre cappelle rettangolari, mentre nella parete di destra si aprono accessi laterali preceduti da una doppia scalinata e sormontati da portali a sesto acuto.

Nel 1870 la facciata a forte rischio statico viene rifatta in stile neogotico e l'impianto architettonico ampliato di una campata. All'interno sono custodite notevoli opere tra cui la tela della Predicazione del Battista, attribuita a Domenico Fiasella; un Crocifisso ligneo di Anton Maria Maragliano; un trittico ligneo del XV secolo che raffigura la Madonna col Bambino e i Santi Rocco e Sebastiano; rilievi marmorei del 1530; un pregevole pulpito settecentesco. L'organo meccanico è un Agati del 1851.

Chiesa di San Giovanni Battista a Riomaggiore
Tipologia: Architetture/Edifici religiosi
Riomaggiore

La chiesa di San Giovanni Battista è ubicata nella parte alta del paese: una lapide sul fianco destro della chiesa, caratterizzato da monofore e portali ogivali, ne ricorda la costruzione nel 1340 con licenza del vescovo di Luni, Antonio Fieschi. La pianta è a tre navate suddivise da colonne che sorreggono slanciati archi ogivali.

Il presbiterio è formato da una cappella maggiore racchiusa tra due cappelle laterali comunicanti tra loro: un'imponente torre nolare, sormontata da cuspide poligonale, è impostata sul vano quadrangolare presbiteriale con copertura a crociera. La parete longitudinale di sinistra è movimentata da tre cappelle rettangolari, mentre nella parete di destra si aprono accessi laterali preceduti da una doppia scalinata e sormontati da portali a sesto acuto.

Nel 1870 la facciata a forte rischio statico viene rifatta in stile neogotico e l'impianto architettonico ampliato di una campata. All'interno sono custodite notevoli opere tra cui la tela della Predicazione del Battista, attribuita a Domenico Fiasella; un Crocifisso ligneo di Anton Maria Maragliano; un trittico ligneo del XV secolo che raffigura la Madonna col Bambino e i Santi Rocco e Sebastiano; rilievi marmorei del 1530; un pregevole pulpito settecentesco. L'organo meccanico è un Agati del 1851.