vai al contenuto vai al footer

Santuario della Madonna di Guadalupe

Tipologia: Architetture/Edifici religiosi
- Santo Stefano d'Aveto
Il Santuario Il Santuario
Il Santuario Il Santuario
Il portale d'accesso Il portale d'accesso
Il campanile Il campanile

Sulla vetta del Maggiorasca e nella chiesa dei Santi Stefano e Maria Maddalena, ai margini del centro storico del paese, dai primi anni del XIX secolo si inizia a venerare la Madonna di Guadalupe. In Messico il culto si afferma dopo l'apparizione (1531) della Vergine all'indio Juan Diego. A Santo Stefano d'Aveto la devozione risale al 1804, anno in cui una copia dell'icona venerata nella Chiesa di San Pietro a Piacenza viene portata nella chiesa e si afferma nei decenni successivi. Nel 1811 il cardinale Giuseppe Doria dona alla chiesa la venerata immagine.

L'icona di Nostra Signora di Guadalupe oggi sull'altare maggiore della Chiesa, si trovava probabilmente sulla galea di Andrea Doria durante la battaglia di Lepanto (1571) o nella cappella della nave ammiraglia. Tuttora l'immagine è oggetto di una straordinaria devozione da parte degli abitanti della zona che considerano la chiesa che la custodisce un santuario. Una statua della Madonna di Guadalupe si trova sulla vetta del Maggiorasca, meta di numerosi pellegrini (festa 27 agosto).

Santuario della Madonna di Guadalupe
Tipologia: Architetture/Edifici religiosi
Santo Stefano d'Aveto

Sulla vetta del Maggiorasca e nella chiesa dei Santi Stefano e Maria Maddalena, ai margini del centro storico del paese, dai primi anni del XIX secolo si inizia a venerare la Madonna di Guadalupe. In Messico il culto si afferma dopo l'apparizione (1531) della Vergine all'indio Juan Diego. A Santo Stefano d'Aveto la devozione risale al 1804, anno in cui una copia dell'icona venerata nella Chiesa di San Pietro a Piacenza viene portata nella chiesa e si afferma nei decenni successivi. Nel 1811 il cardinale Giuseppe Doria dona alla chiesa la venerata immagine.

L'icona di Nostra Signora di Guadalupe oggi sull'altare maggiore della Chiesa, si trovava probabilmente sulla galea di Andrea Doria durante la battaglia di Lepanto (1571) o nella cappella della nave ammiraglia. Tuttora l'immagine è oggetto di una straordinaria devozione da parte degli abitanti della zona che considerano la chiesa che la custodisce un santuario. Una statua della Madonna di Guadalupe si trova sulla vetta del Maggiorasca, meta di numerosi pellegrini (festa 27 agosto).