vai al contenuto vai al footer

Chiesa di San Michele Arcangelo

Tipologia: Architetture/Edifici religiosi
- Casarza Ligure
La chiesa La chiesa
La chiesa La chiesa
La chiesa La chiesa

La chiesa di San Michele Arcangelo è ubicata in posizione rialzata rispetto al piano stradale. È stata edificata nel XVII secolo in stile barocco con interno a una sola navata. In fondo all'abside si trova il trittico di Giovanni Barbagelata, firmato e datato 24 giugno 1499, raffigurante San Giovanni Battista tra i Santi Michele Arcangelo e Pietro.

Il trittico presenta al centro della cimasa una Crocifissione, alla destra la Vergine che adora il Bimbo e alla sinistra una Santa, forse Santa Monica, rappresentata anche nell'affresco del catino absidale a colloquio con il figlio Sant'Agostino e venerata in epoca antica a Casarza. Il trittico era in precedenza collocato nella chiesa romanica di San Giovanni Battista di Candiasco.

Alla chiesa di San Michele ed a una sua ipotetica origine medievale si ricollega la tradizione della Fiera, della quale si ritrova un primo riferimento indiretto in un documento del 1641.

Chiesa di San Michele Arcangelo
Tipologia: Architetture/Edifici religiosi
Casarza Ligure

La chiesa di San Michele Arcangelo è ubicata in posizione rialzata rispetto al piano stradale. È stata edificata nel XVII secolo in stile barocco con interno a una sola navata. In fondo all'abside si trova il trittico di Giovanni Barbagelata, firmato e datato 24 giugno 1499, raffigurante San Giovanni Battista tra i Santi Michele Arcangelo e Pietro.

Il trittico presenta al centro della cimasa una Crocifissione, alla destra la Vergine che adora il Bimbo e alla sinistra una Santa, forse Santa Monica, rappresentata anche nell'affresco del catino absidale a colloquio con il figlio Sant'Agostino e venerata in epoca antica a Casarza. Il trittico era in precedenza collocato nella chiesa romanica di San Giovanni Battista di Candiasco.

Alla chiesa di San Michele ed a una sua ipotetica origine medievale si ricollega la tradizione della Fiera, della quale si ritrova un primo riferimento indiretto in un documento del 1641.