vai al contenuto vai al footer

Castello del Carretto

Tipologia: Architetture/Castelli e fortificazioni
- Millesimo
Il castello Il castello
Il castello Il castello
Un particolare Un particolare
Un particolare Un particolare

Millesimo, principale centro dell'alta valle Bormida, è dominato dagli imponenti resti restaurati e ricostruiti del Castello del Carretto, eretto nel XII-XIII secolo a protezione del borgo per volere di Enrico II Del Carretto. Il castello di Millesimo, di Cosseria, Cengio e Roccavignale formavano un quadrilatero di difesa alle vie d'entrata dal Piemonte al Delfinato. Nel Cinquecento il governatore di Milano faceva distruggere la fortezza per evitare che cadesse in mano alle truppe francesi durante la guerra tra Spagna, Austria e Francia. Il castello è stato ulteriormente danneggiato durante gli scontri del 1796. Del castello erano rimaste due torri collegate da alcuni resti di cortine murarie: la torre in pietra, il maschio e la parete est risalgono al XII secolo e rappresentano le parti più antiche. Il Castello del Carretto, nato come recinto quadrangolare fortificato, è stato in seguito internamente suddiviso in vani abitabili: all'interno del castello c'è traccia dell'antica divisione in più piani. La parte medievale meglio conservata è la torre posta a Sud-Ovest e costruita in pietra e mattoni nel XV secolo. A Sud tracce testimoniano l'esistenza di un ponte levatoio posto a sbarramento della strada sottostante o di accesso alla torre. Dopo il restauro il castello, insieme alla vicina Villa Scarzella, fa parte del complesso monumentale Castello del Carretto, sede di esposizioni, eventi culturali e manifestazioni.

Castello del Carretto
Tipologia: Architetture/Castelli e fortificazioni
Millesimo

Millesimo, principale centro dell'alta valle Bormida, è dominato dagli imponenti resti restaurati e ricostruiti del Castello del Carretto, eretto nel XII-XIII secolo a protezione del borgo per volere di Enrico II Del Carretto. Il castello di Millesimo, di Cosseria, Cengio e Roccavignale formavano un quadrilatero di difesa alle vie d'entrata dal Piemonte al Delfinato. Nel Cinquecento il governatore di Milano faceva distruggere la fortezza per evitare che cadesse in mano alle truppe francesi durante la guerra tra Spagna, Austria e Francia. Il castello è stato ulteriormente danneggiato durante gli scontri del 1796. Del castello erano rimaste due torri collegate da alcuni resti di cortine murarie: la torre in pietra, il maschio e la parete est risalgono al XII secolo e rappresentano le parti più antiche. Il Castello del Carretto, nato come recinto quadrangolare fortificato, è stato in seguito internamente suddiviso in vani abitabili: all'interno del castello c'è traccia dell'antica divisione in più piani. La parte medievale meglio conservata è la torre posta a Sud-Ovest e costruita in pietra e mattoni nel XV secolo. A Sud tracce testimoniano l'esistenza di un ponte levatoio posto a sbarramento della strada sottostante o di accesso alla torre. Dopo il restauro il castello, insieme alla vicina Villa Scarzella, fa parte del complesso monumentale Castello del Carretto, sede di esposizioni, eventi culturali e manifestazioni.