vai al contenuto vai al footer

Chiesa di San Nicolo dell'Isola

Tipologia: Architetture/Edifici religiosi
- Sestri Levante
La facciata La facciata
La chiesa La chiesa
Una delle lapidi visibili all'esterno Una delle lapidi visibili all'esterno
La facciata La facciata

La chiesa romanica, parrocchiale dal XII al XVII secolo, viene fondata sul promontorio della primitiva isola nel 1151 osservando il tipico orientamento est-ovest degli edifici medievali, mantenuto anche dopo le trasformazioni del XV secolo. Successivamente, in epoca barocca, subisce un evidente mutamento strutturale che porta ad inglobare le colonne romaniche in setti murari.

L'aspetto originario della costruzione è stato riportato alla luce grazie a diverse campagne di restauro che hanno eliminato le sovrastrutture barocche e integrato le parti mancanti: oggi la chiesa si presenta a tre navate divise da colonne sormontate da capitelli cubici e unite da archi acuti. Il campanile, innestato sulla sinistra dell'abside, è munito di una cella campanaria a bifore. Ne conclude il corpo murario una cuspide piramidale a base quadrangolare.

La facciata cinquecentesca è caratterizzata da un portale a pseudo-protiro sormontato da una trifora ed affiancato da due portaletti. Interessanti lapidi ed epigrafi medievali sono murate nelle pareti della chiesa, mentre sul portaletto di sinistra si trova un frammento di recinto presbiteriale dell'VIII secolo.

Chiesa di San Nicolo dell'Isola
Tipologia: Architetture/Edifici religiosi
Sestri Levante

La chiesa romanica, parrocchiale dal XII al XVII secolo, viene fondata sul promontorio della primitiva isola nel 1151 osservando il tipico orientamento est-ovest degli edifici medievali, mantenuto anche dopo le trasformazioni del XV secolo. Successivamente, in epoca barocca, subisce un evidente mutamento strutturale che porta ad inglobare le colonne romaniche in setti murari.

L'aspetto originario della costruzione è stato riportato alla luce grazie a diverse campagne di restauro che hanno eliminato le sovrastrutture barocche e integrato le parti mancanti: oggi la chiesa si presenta a tre navate divise da colonne sormontate da capitelli cubici e unite da archi acuti. Il campanile, innestato sulla sinistra dell'abside, è munito di una cella campanaria a bifore. Ne conclude il corpo murario una cuspide piramidale a base quadrangolare.

La facciata cinquecentesca è caratterizzata da un portale a pseudo-protiro sormontato da una trifora ed affiancato da due portaletti. Interessanti lapidi ed epigrafi medievali sono murate nelle pareti della chiesa, mentre sul portaletto di sinistra si trova un frammento di recinto presbiteriale dell'VIII secolo.