vai al contenuto vai al footer

Palazzo San Giorgio

Tipologia: Architetture/Ville e palazzi
- Genova

Il Palazzo, sede della Autorità Portuale di Genova dal 1904, prende nome dalla Casa di San Giorgio, famosa istituzione finanziaria che amministrava il debito pubblico e gestiva gli introiti delle gabelle, che nell'edificio ebbe sede dalla fondazione (XV secolo). Il corpo medievale dell'edificio viene edificato come palazzo comunale nel 1260, per iniziativa del Capitano del Popolo Guglielmo Boccanegra, su progetto dell'architetto, frate Oliverio, ricordato nella lapide incorporata nel loggiato settentrionale. Il continuo accrescimento delle fortune e delle funzioni della Casa di San Giorgio, che amministrava anche la Corsica e i domini delle Riviere, determina nel 1570 lo sviluppo del palazzo verso sud e finisce col subordinare l'edificio medievale, affacciando direttamente sul mare il prospetto principale affrescato e rinnovato da un recente restauro.

Il palazzo San Giorgio com' è oggi negli ambienti interni è in parte frutto dei lavori di restauro compiuti alla fine dell'Ottocento da Alfredo D'Andrade. Gli ambienti interni più rappresentativi sono la Sala del Capitano del Popolo, la Sala delle Compere (con le statue dei grandi genovesi donatori di lasciti), Manica Lunga, la Sala dei Protettori, Manica Corta e la Sala della Dogana (attuale biblioteca).

Itinerari

Questo luogo appartiene all'itinerario
Palazzo San Giorgio
Tipologia: Architetture/Ville e palazzi
Genova

Il Palazzo, sede della Autorità Portuale di Genova dal 1904, prende nome dalla Casa di San Giorgio, famosa istituzione finanziaria che amministrava il debito pubblico e gestiva gli introiti delle gabelle, che nell'edificio ebbe sede dalla fondazione (XV secolo). Il corpo medievale dell'edificio viene edificato come palazzo comunale nel 1260, per iniziativa del Capitano del Popolo Guglielmo Boccanegra, su progetto dell'architetto, frate Oliverio, ricordato nella lapide incorporata nel loggiato settentrionale. Il continuo accrescimento delle fortune e delle funzioni della Casa di San Giorgio, che amministrava anche la Corsica e i domini delle Riviere, determina nel 1570 lo sviluppo del palazzo verso sud e finisce col subordinare l'edificio medievale, affacciando direttamente sul mare il prospetto principale affrescato e rinnovato da un recente restauro.

Il palazzo San Giorgio com' è oggi negli ambienti interni è in parte frutto dei lavori di restauro compiuti alla fine dell'Ottocento da Alfredo D'Andrade. Gli ambienti interni più rappresentativi sono la Sala del Capitano del Popolo, la Sala delle Compere (con le statue dei grandi genovesi donatori di lasciti), Manica Lunga, la Sala dei Protettori, Manica Corta e la Sala della Dogana (attuale biblioteca).

Itinerari

Questo luogo appartiene all'itinerario