vai al contenuto vai al footer

San Nicolò di Capodimonte

Tipologia: Architetture/Edifici religiosi
- Camogli
La chiesa di San Nicolò La chiesa di San Nicolò
La chiesa di San Nicolò La chiesa di San Nicolò
Il campanile Il campanile
Un particolare Un particolare
L'interno L'interno

La chiesa di San Nicolò di Capodimonte è affiancata dalla struttura originariamente destinata al monastero e ora adibita ad abitazione privata. Secondo la tradizione è stata edificata nel XII secolo dai monaci di San Rufo in sostituzione di una cappella del 345 dedicata a San Romolo, vescovo ausiliare di Genova.

Tutto il complesso è stato abbandonato nel XV secolo a causa delle ricorrenti invasioni dei pirati saraceni, e trasformato in abitazioni civili durante il periodo napoleonico. Gli interventi di restauro effettuati tra il 1925 e il 1926 hanno restituito alla chiesa l'originale aspetto romanico con facciata in pietra viva e portale strombato con colonnine marmoree.

L'interno è caratterizzato da una pianta a T con tre absidi e unica navata in pietra nera sulla quale sono ancora visibili tracce di affreschi. Tra questi si nota la Madonna che protegge una barca durante una tempesta: è il tema della Stella Maris ripreso sulla stele a mosaico di Punta Chiappa.

San Nicolò di Capodimonte
Tipologia: Architetture/Edifici religiosi
Camogli

La chiesa di San Nicolò di Capodimonte è affiancata dalla struttura originariamente destinata al monastero e ora adibita ad abitazione privata. Secondo la tradizione è stata edificata nel XII secolo dai monaci di San Rufo in sostituzione di una cappella del 345 dedicata a San Romolo, vescovo ausiliare di Genova.

Tutto il complesso è stato abbandonato nel XV secolo a causa delle ricorrenti invasioni dei pirati saraceni, e trasformato in abitazioni civili durante il periodo napoleonico. Gli interventi di restauro effettuati tra il 1925 e il 1926 hanno restituito alla chiesa l'originale aspetto romanico con facciata in pietra viva e portale strombato con colonnine marmoree.

L'interno è caratterizzato da una pianta a T con tre absidi e unica navata in pietra nera sulla quale sono ancora visibili tracce di affreschi. Tra questi si nota la Madonna che protegge una barca durante una tempesta: è il tema della Stella Maris ripreso sulla stele a mosaico di Punta Chiappa.