vai al contenuto vai al footer

Chiesa della Natività di Maria Santissima

Tipologia: Architetture/Edifici religiosi
- Garlenda

La parrocchiale, dedicata alla Natività di Maria, viene ricostruita nel 1627, su progetto dell'architetto Rebaudo, sui resti di una chiesa preesistente più antica e completata nel 1634 con la posa della croce sulla cupola. L'edificio presenta una pianta a croce con navata unica caratterizzata da un'ampia cupola poligonale, illuminata da una serie di finestroni rettangolari.

Accanto alla cupola si slancia verso il cielo l'alta torre campanaria. Al centro della facciata, semplice e molto lineare, si apre una finestra semicircolare inquadrata nel tetto a due spioventi. Ai Costa è dovuta una cospicua donazione di quadri di notevole pregio importati da Roma, tutti rubati nel 1979 ad eccezione della pala d'altare, erroneamente attribuita al Guercino (una Nativita del XVII secolo) e ora dietro l'altare maggiore. Da segnalare anche un pregevole Cristo ligneo del XV secolo.

Chiesa della Natività di Maria Santissima
Tipologia: Architetture/Edifici religiosi
Garlenda

La parrocchiale, dedicata alla Natività di Maria, viene ricostruita nel 1627, su progetto dell'architetto Rebaudo, sui resti di una chiesa preesistente più antica e completata nel 1634 con la posa della croce sulla cupola. L'edificio presenta una pianta a croce con navata unica caratterizzata da un'ampia cupola poligonale, illuminata da una serie di finestroni rettangolari.

Accanto alla cupola si slancia verso il cielo l'alta torre campanaria. Al centro della facciata, semplice e molto lineare, si apre una finestra semicircolare inquadrata nel tetto a due spioventi. Ai Costa è dovuta una cospicua donazione di quadri di notevole pregio importati da Roma, tutti rubati nel 1979 ad eccezione della pala d'altare, erroneamente attribuita al Guercino (una Nativita del XVII secolo) e ora dietro l'altare maggiore. Da segnalare anche un pregevole Cristo ligneo del XV secolo.