vai al contenuto vai al footer

Chiesa di San Giacomo di Corte

Tipologia: Architetture/Edifici religiosi
- Santa Margherita Ligure
La facciata La facciata

La prima notizia di un edificio religioso in località Corte risale al 974: questo apparteneva alla potente abbazia di San Fruttuoso, che nel Medioevo possedeva terre e chiese sulla costa sino a Sestri Levante.

L'aspetto attuale in forme barocche è dovuto agli interventi operati nel XVII secolo. L'interno è diviso in tre navate con dieci altari laterali, mentre la volta della navata centrale è stata affrescata soltanto nel XIX secolo da Nicolo Barabino.

Sull'altare maggiore, dentro una preziosa edicola, è posta la statua in legno della Madonna della Lettera, che qui si venera. La leggenda racconta che nel 1783, quando un terribile terremoto ha devastato Messina, la statua della Madonna che si trovava nel porto di quella città sopra una stele, sia caduta in mare e in venti giorni navigando contro le correnti, abbia risalito il Tirreno fino al Golfo del Tigullio, davanti al porto di Santa Margherita.

Alcuni pescatori, che avevano gettato le reti davanti al porto avendola tratta dall'acqua volevano portarla con sé, ma la statua, sfuggita loro di mano, ha ripreso il suo viaggio verso Corte.

Chiesa di San Giacomo di Corte
Tipologia: Architetture/Edifici religiosi
Santa Margherita Ligure

La prima notizia di un edificio religioso in località Corte risale al 974: questo apparteneva alla potente abbazia di San Fruttuoso, che nel Medioevo possedeva terre e chiese sulla costa sino a Sestri Levante.

L'aspetto attuale in forme barocche è dovuto agli interventi operati nel XVII secolo. L'interno è diviso in tre navate con dieci altari laterali, mentre la volta della navata centrale è stata affrescata soltanto nel XIX secolo da Nicolo Barabino.

Sull'altare maggiore, dentro una preziosa edicola, è posta la statua in legno della Madonna della Lettera, che qui si venera. La leggenda racconta che nel 1783, quando un terribile terremoto ha devastato Messina, la statua della Madonna che si trovava nel porto di quella città sopra una stele, sia caduta in mare e in venti giorni navigando contro le correnti, abbia risalito il Tirreno fino al Golfo del Tigullio, davanti al porto di Santa Margherita.

Alcuni pescatori, che avevano gettato le reti davanti al porto avendola tratta dall'acqua volevano portarla con sé, ma la statua, sfuggita loro di mano, ha ripreso il suo viaggio verso Corte.