vai al contenuto vai al footer

Chiesa dei Cinque Campanili

Tipologia: Architetture/Edifici religiosi
- Finale Ligure
La chiesa La chiesa
La chiesa La chiesa
L'interno L'interno
Un affresco Un affresco
Portale Portale
Un particolare Un particolare
Un particolare Un particolare
Un particolare Un particolare
Un particolare Un particolare

Poco discosta da Perti, tra gli ulivi, si trova la Cappella di Nostra Signora di Loreto, comunemente conosciuta come "Chiesa dei Cinque Campanili". Essa costituisce uno dei pochissimi esempi in Liguria di costruzione rinascimentale ancora impregnata di influenze tardo-gotiche. Erroneamente attribuita al Bramante, viene eretta fra il 1488 e il 1493 sul modello della cappella Portinari in Sant'Eustorgio di Milano, ed è legata al momento più florido della vita del Borgo ed all'opera del cardinale Carlo Domenico Del Carretto.

Sopra un ambiente a pianta quadrata, con piccolo presbiterio, si eleva un tamburo ottagonale che racchiude la cupola emisferica su quattro arcate. Quattro grossi pilastri quadri in pietra del Finale e mattoni rinforzano gli spigoli e su di essi si elevano quattro svelti campanili che fanno corona a quello centrale, leggermente più alto. Le finestre della chiesa hanno forma di oculo tondo. Caratteristico dell'epoca è l'uso di laterizio nelle parti decorative sia interne che esterne.

Chiesa dei Cinque Campanili
Tipologia: Architetture/Edifici religiosi
Finale Ligure

Poco discosta da Perti, tra gli ulivi, si trova la Cappella di Nostra Signora di Loreto, comunemente conosciuta come "Chiesa dei Cinque Campanili". Essa costituisce uno dei pochissimi esempi in Liguria di costruzione rinascimentale ancora impregnata di influenze tardo-gotiche. Erroneamente attribuita al Bramante, viene eretta fra il 1488 e il 1493 sul modello della cappella Portinari in Sant'Eustorgio di Milano, ed è legata al momento più florido della vita del Borgo ed all'opera del cardinale Carlo Domenico Del Carretto.

Sopra un ambiente a pianta quadrata, con piccolo presbiterio, si eleva un tamburo ottagonale che racchiude la cupola emisferica su quattro arcate. Quattro grossi pilastri quadri in pietra del Finale e mattoni rinforzano gli spigoli e su di essi si elevano quattro svelti campanili che fanno corona a quello centrale, leggermente più alto. Le finestre della chiesa hanno forma di oculo tondo. Caratteristico dell'epoca è l'uso di laterizio nelle parti decorative sia interne che esterne.