vai al contenuto vai al footer

Fortilizio e torre degli Aregai

Tipologia: Architetture/Castelli e fortificazioni
- Santo Stefano al Mare
Il Fortilizio e la torre degli Aregai Il Fortilizio e la torre degli Aregai

Lungo l'Aurelia, prima di Santo Stefano al Mare, si trovano la torre detta dei Marmi, a pianta quadrata, e la torre degli Aregai, anch'essa quadrangolare. Della torre dei Marmi rimangono alcuni resti: si trattava di un edificio per la difesa e l'avvistamento dei nemici, costruito nel XVI-XVII secolo.

La torre in località Aregai è stata costruita all'inizio del XVII secolo con quattro lati irregolari e garitte. Secondo gli studiosi, queste torri servivano proprio di vedetta contro le scorrerie dei pirati barbareschi. Infatti sembra che anche Santo Stefano al Mare, come la maggior parte dei borghi costieri della Liguria, sia stato devastato dalle incursioni dei barbareschi, in particolare da Aly Amat nel 1544.

L'abitato era inoltre difeso da un fortilizio di forma ottagonale, costruito nel XVI secolo. Questo edificio è stato oggi ristrutturato e vi sono state aperte finestre, per renderlo utilizzabile come sede del Municipio e di una casa di riposo per anziani dedicata al capitano Violante d'Albertis, antico proprietario della struttura.

Fortilizio e torre degli Aregai
Tipologia: Architetture/Castelli e fortificazioni
Santo Stefano al Mare

Lungo l'Aurelia, prima di Santo Stefano al Mare, si trovano la torre detta dei Marmi, a pianta quadrata, e la torre degli Aregai, anch'essa quadrangolare. Della torre dei Marmi rimangono alcuni resti: si trattava di un edificio per la difesa e l'avvistamento dei nemici, costruito nel XVI-XVII secolo.

La torre in località Aregai è stata costruita all'inizio del XVII secolo con quattro lati irregolari e garitte. Secondo gli studiosi, queste torri servivano proprio di vedetta contro le scorrerie dei pirati barbareschi. Infatti sembra che anche Santo Stefano al Mare, come la maggior parte dei borghi costieri della Liguria, sia stato devastato dalle incursioni dei barbareschi, in particolare da Aly Amat nel 1544.

L'abitato era inoltre difeso da un fortilizio di forma ottagonale, costruito nel XVI secolo. Questo edificio è stato oggi ristrutturato e vi sono state aperte finestre, per renderlo utilizzabile come sede del Municipio e di una casa di riposo per anziani dedicata al capitano Violante d'Albertis, antico proprietario della struttura.