vai al contenuto vai al footer

Santuario di Nostra Signora di Roverano

Tipologia: Architetture/Edifici religiosi
- Borghetto di Vara
Il santuario di Nostra Signora di Roverano Il santuario di Nostra Signora di Roverano

L'origine del santuario, costruito su un edificio preesistente all'inizio del XVI secolo, è legata all'apparizione della Vergine che avrebbe indicato il quadretto ora venerato dai pellegrini, appeso a una pianta di ulivo.

Il dipinto con l'immagine della Vergine, portato nella chiesa di L'Ago, ritornava sempre misteriosamente sul monte. Nell'Ottocento, la diffusione del culto della Madonna di Roverano ha reso possibile ampliare il santuario. Due bassi campanili sono stati affiancati alla facciata ristrutturata nel 1933.

La chiesa ospita l'immagine miracolosa nell'edicola sopra l'altare maggiore, di compatta struttura rinascimentale e vivacizzato da pregiati marmi: vi predomina il rosso di Levanto e il perlato nero, marmi di estrazione locale. Il piccolo quadro è un dipinto su tavola cinquecentesco che rappresenta la Madonna col Bambino.
Sulla parete di destra una lapide ben visibile segna il punto preciso dove la Madonna è apparsa. Non lontano dalla stessa è affisso un triangolo in ardesia del '400 che espone in bassorilievo la scena dell'apparizione della Madonna alle due pastorelle.

Santuario di Nostra Signora di Roverano
Tipologia: Architetture/Edifici religiosi
Borghetto di Vara

L'origine del santuario, costruito su un edificio preesistente all'inizio del XVI secolo, è legata all'apparizione della Vergine che avrebbe indicato il quadretto ora venerato dai pellegrini, appeso a una pianta di ulivo.

Il dipinto con l'immagine della Vergine, portato nella chiesa di L'Ago, ritornava sempre misteriosamente sul monte. Nell'Ottocento, la diffusione del culto della Madonna di Roverano ha reso possibile ampliare il santuario. Due bassi campanili sono stati affiancati alla facciata ristrutturata nel 1933.

La chiesa ospita l'immagine miracolosa nell'edicola sopra l'altare maggiore, di compatta struttura rinascimentale e vivacizzato da pregiati marmi: vi predomina il rosso di Levanto e il perlato nero, marmi di estrazione locale. Il piccolo quadro è un dipinto su tavola cinquecentesco che rappresenta la Madonna col Bambino.
Sulla parete di destra una lapide ben visibile segna il punto preciso dove la Madonna è apparsa. Non lontano dalla stessa è affisso un triangolo in ardesia del '400 che espone in bassorilievo la scena dell'apparizione della Madonna alle due pastorelle.