vai al contenuto vai al footer

Castello di Penna ad Olivetta San Michele

Tipologia: Architetture/Castelli e fortificazioni
- Olivetta San Michele
Il castello Il castello
Il borgo e il castello Il borgo e il castello

Per visitare i ruderi del castello di Penna, fortezza medievale costruita dai conti di Ventimiglia definitivamente smantellata nella seconda metà dell'Ottocento, occorre raggiungere in auto Piena Alta passando da Olivetta, proseguendo in territorio francese sulla strada per Sospel e colle di Vescavo fino a raggiungere l'antico borgo. Il territorio di Piena nella prima metà del XVI secolo viene descritto così dal Giustiniani nel 1537 nei suoi annali della Repubblica di Genova: "Discendendo per la val di Rotta e passato il fiume, rimane da ponente la villa nominata la Penna, qual fa da cento foghi et ha un castello inespugnabile nella sommità del monte, del qual piglia la denominazione".  Indubbiamente il castello è importante soprattutto quando il borgo diviene confinante tra i territori della Repubblica di Genova e quelli dei Savoia. La sua posizione strategica, dominante la via di transito dei carichi di sale tra Nizza e il Piemonte è particolarmente appetibile per i savoiardi e più volte li spinge a tentare di impossessarsi della fortificazione e dell'abitato.

Castello di Penna ad Olivetta San Michele
Tipologia: Architetture/Castelli e fortificazioni
Olivetta San Michele

Per visitare i ruderi del castello di Penna, fortezza medievale costruita dai conti di Ventimiglia definitivamente smantellata nella seconda metà dell'Ottocento, occorre raggiungere in auto Piena Alta passando da Olivetta, proseguendo in territorio francese sulla strada per Sospel e colle di Vescavo fino a raggiungere l'antico borgo. Il territorio di Piena nella prima metà del XVI secolo viene descritto così dal Giustiniani nel 1537 nei suoi annali della Repubblica di Genova: "Discendendo per la val di Rotta e passato il fiume, rimane da ponente la villa nominata la Penna, qual fa da cento foghi et ha un castello inespugnabile nella sommità del monte, del qual piglia la denominazione".  Indubbiamente il castello è importante soprattutto quando il borgo diviene confinante tra i territori della Repubblica di Genova e quelli dei Savoia. La sua posizione strategica, dominante la via di transito dei carichi di sale tra Nizza e il Piemonte è particolarmente appetibile per i savoiardi e più volte li spinge a tentare di impossessarsi della fortificazione e dell'abitato.